Resoconto del viaggio nella Striscia di Gaza

26 Giugno 2014 – 6 Luglio 2014

Arrivo a Gerusalemme alle 23.00 dopo una giornata passata tra aeroporti e voli e trovo una città deserta. Negozi chiusi e solo un ristorante tra la Porta di Giaffa e la Porta Nuova è aperto. Gerusalemme Est è già off limits. Pattuglie di soldati e della sicurezza israeliana si muovono per le strade. Ho davanti una decina di giorni da passare in Palestina. Da Nablus mi dicono che la situazione è molto difficile, gli spostamenti da Gerusalemme sono lunghi e difficili. Il giorno dopo il mio arrivo parto per Erez per entrare nella prigione più grande al mondo: la Striscia di Gaza. Dal 12 giugno, giorno della sparizione dei tre coloni, si sono intensificati i bombardamenti sulla Striscia di Gaza mentre la Cisgiordania è sotto rastrellamento. L’accesso alla prigione di Gaza è come al solito sotto l’attento controllo israeliano. Sembra una giornata tranquilla, calda e umida, ma tranquilla. Arrivo alla solita sistemazione messa a disposizione da uno dei nostri partner a Gaza, l’associazione Medical Relief. Nelle prime ore del pomeriggio del mio primo giorno a Gaza, sento un forte boato: hanno assassinato due resistenti, Osama e Mohammed, mentre erano in macchina e attraversavano il campo profughi di Shati. Un drone, con grande precisione, ha colpito la macchina senza lasciare scampo ai due ragazzi. Vado sul posto e trovo tanti palestinesi attorno a quello che è rimasto della macchina; i corpi martoriati sono già stati portati all’obitorio dello Shifa Hospital. Con un passaggio di fortuna, mi sposto allo Shifa dove incontro i padri e fratelli dei due ragazzi assassinati; è qui che grazie all’aiuto di un amico palestinese che fa da traduttore, parlo con i parenti di Osama e Mohammed. Sono stanca di pubblicare e far girare foto di martiri, corpi di bambini e donne straziati, chiedo che si faccia conoscere il volto dei ragazzi in un momento di vita, anche se sono consapevole che quei corpi martoriati dentro la cella sono l’immagine della loro quotidianità.

Leggi tutto: Resoconto del viaggio nella Striscia di Gaza

Da Aleppo, j'accuse

19 maggio 2014

Crimini di guerra e crimini contro l'umanità

 

3 milioni di abitanti civili di Aleppo, indipendentemente dalla loro religione o opinioni politiche, sono tenuti in ostaggio da due anni e sono le vittime di crimini di guerra e crimini contro l'umanità.

1-    Blocco totale della città sia rispetto alle persone che alle merci, ripetuto molte volte, il più lung è durato sei settimane: ciò ha comportato ogni volta una grave carenza di beni essenziali come ortaggi, frutta, benzina, carburante, medicine, carne, ecc .

 2 - Totale taglio dell’energia elettrica, da un paio di giorni fino a 11 giorni.

 3 - Arresto completo della fornitura di acqua da 2 fino a 11 giorni.

 4 - Tagli ripetuti delle comunicazioni per telefono e di internet, sia locali che internazionali, da un paio di giorni fino a 20 giorni consecutivi.

 5 - Bombardamenti quotidiani di zone abitate, con bombe o colpi di mortaio che lasciano molti morti e feriti.

 6 - Tiri di cecchini sui pedoni innocenti.

 7 - La distruzione sistematica del patrimonio archeologico e culturale.

Leggi tutto: Da Aleppo, j'accuse

Elezioni in Siria del 3 giugno 2014

Affluenza 73,42%

Candidati

Bashar al Assad

Hassan al-Nouri

Maher Hajjar

Partiti

Ba'ath

NIACS

Independente

Voti

10,319,723

500,279

372,301

Percentuale

 88.7%

4.3%

3.2%

 

Il 3 giugno 2014 si sono tenute le elezioni presidenziali in Siria il 3 giugno 2014.

Come risultato della guerra in corso, la Siria ha la popolazione di rifugiati più grande al mondo, e il voto per i rifugiati in alcuni paesi stranieri è iniziato nelle ambasciate siriane alcuni giorni prima della votazione in Siria stessa.

C'erano osservatori provenienti da più di 30 paesi, tra cui Bolivia, Brasile, Pakistan, Canada, Stati Uniti, Cuba, Ecuador, India, Iran, Iraq, Nicaragua, Russia, Sud Africa e Venezuela. Le delegazioni in visita, venute su richiesta della Siria, includevano parlamentari, politici, giornalisti, media, intellettuali e figure della società civile, oltre a sostenitori della pace e attivisti indipendenti.

Al termine hanno rilasciato una dichiarazione dicendo che le elezioni sono state " libere, eque e trasparenti". Il Consiglio di cooperazione del Golfo, l'Unione europea e gli Stati Uniti, non le hanno riconosciute definendole come illegittime.

Leggi tutto: Elezioni in Siria del 3 giugno 2014