Porto di Genova, l’allarme USB sulla sicurezza: rafforzare i poteri dell’Autorità portuale e istituire presidi fissi di primo soccorso

Genova, 18/08/2022

 

Un altro lavoratore è rimasto schiacciato-investito da un carrello nel porto di Genova. I lavoratori dei porti, come avevamo già denunciato, si infortunano per carenze su veicoli e attrezzature, per eccessivi carichi di lavoro, per l'anzianità sopra la media!

Leggi tutto: Porto di Genova, l’allarme USB sulla sicurezza: rafforzare i poteri dell’Autorità portuale e...

[Asst-Rhodense] Sanità, logistica , servizi

10 Agosto  2022

 

http://sicobas.org/wp-content/uploads/2022/03/la-salute-non-e-una-merce.jpg

 

 

La grave notizia accusatoria di “estorsione” rivolta a dirigenti sindacali dei sindacati di base S.I. Cobas e Usb dovrebbe farci riflettere tutti.
Le loro azioni di lotta rivendicano salari e orario di lavoro umani in settori quali la logistica dove i lavoratori sono schiavi e le aziende fanno profitti con guadagni spaventosi, ma non ancora soddisfatti dei guadagni da capogiro vogliono ancora di più: appaltano servizi alle cooperative,
quando va bene, i lavoratori sono pagati con salari da fame, quando va male, si defilano lasciando per strada i lavoratori; questa realtà è ben conosciuta dalla politica corresponsabile dei contratti truffa!

Leggi tutto: [Asst-Rhodense] Sanità, logistica , servizi

Nessuno ha ucciso Lollo.

 

 

Lorenzo Zaratta – detto Lollo - aveva solo 5 anni quando, il 30 luglio del 2014, è morto per un tumore cerebrale, un astrocitoma. Nel suo tessuto cerebrale erano stati trovati ferro, acciaio, zinco, silicio e alluminio. Lorenzo Zaratta viveva a Taranto, quartiere Tamburi, ed era divenuto il simbolo della lotta all’inquinamento.

Per la sua morte sono stati processati 9 dirigenti di quella fabbrica di morte che è l’ILVA: processati sì, ma assolti a vario titolo, come sempre succede in questi casi.

Leggi tutto: Nessuno ha ucciso Lollo.

Docente esperto, l’ultima pirotecnica baggianata del governo Draghi

Sciopero e richiesta di Stati Generali della scuola per tornare a porre la scuola, l’università e i saperi al centro della società

 

https://image.jimcdn.com/app/cms/image/transf/dimension=460x1024:format=jpg/path/sd79fce0408536fb2/image/ie3f27dd9e8ea436b/version/1661273200/image.jpg

 

Tre percorsi formativi di tre anni per un totale di nove anni al termine dei quali il 99% del corpo docenti italiano verrà giudicato “inesperto” e quindi punibile con la conferma degli stipendi meno significativi di tutta l’Unione Europea. Francamente neppure Berlinguer nel 2000 si era inventato tanto, il suo concorsone definiva un numero inferiore di “cretini”, solo i quattro quinti, tra l’altro proprio quel concorso lo ha mandato a casa, dopo un sciopero indetto dal sindacalismo di base a metà febbraio di quell’anno e sul cui carro vincente son saltati tutti, ricordiamo a un mese di distanza sindacalisti confederali che si attribuivano il merito dell’azione di lotta, che invece avevano osteggiato, essendo pronti alla firma anche di quella stupidaggine.

Leggi tutto: Docente esperto, l’ultima pirotecnica baggianata del governo Draghi

Comunicato Stampa di Associazione Rurale Italiana

Nella mattinata del 22 luglio si è riunito il Tavolo di Partenariato nazionale sull’attuazione della Politica Agricola Comune (PAC) per il periodo 2023-2027. Alla presenza del ministro Patuanelli, il MIPAAF ha illustrato la strada che resta da percorrere per arrivare alla stesura delle risposte da fornire alla lunga lista di questioni sollevate dalla Commissione Europa sulla prima proposta di Piano Strategico Nazionale (PSN).

Siamo stati informati dell’accordo raggiunto con le Regioni e le Province autonome sul riparto delle risorse finanziarie per il secondo pilastro, grazie anche ad un’accresciuta partecipazione del cofinanziamento statale. La partecipazione è stata meno numerosa delle volte precedenti ma non sono mancati gli abituali interventi a difesa di questa o quella corporazione, tutti comunque tesi a rimettere in discussione quel poco – veramente poco – di innovazione sociale ed ecologica contenuto nella nuova PAC con la scusa della guerra in Ucraina. E’ emerso che il Ministero, secondo sue proprie logiche la cui natura non è mai stata pubblicamente chiarita, ha tenuto anche nel periodo intercorso dalla precedente riunione del Tavolo, riunioni bilaterali con alcune organizzazioni.

Leggi tutto: Comunicato Stampa di Associazione Rurale Italiana