Breve storia della Bolivia che ora attende le elezioni del 3 maggio

febbraio 2020

 

 

La storia repubblicana della Bolivia inizia il 6 agosto 1825 per opera del liberatore Simon Bolivar che liberò anche la sua terra natale Venezuela, Colombia, Ecuador e Perù.

Il nome “Bolivia” è femminile perché il primo governo nazionale, a riconoscenza del lavoro del Libertador e a suo tributo, decise di chiamarla così come a rimarcare di essere la figlia prediletta si Simon Bolivar.
Dalla nascita della repubblica, la destra e i repubblicani orientarono i destini del Paese a favore dei proprietari terrieri e dei baroni delle miniere, in particolare quelle di argento, fin da quando il prezioso metallo venne scoperto per caso perché un agricoltore per riscaldarsi diede fuoco alla collina di Potosí, a 5000 metri sul livello del mare, e si rende conto che l'argento si scioglie con il fuoco e il suo sfruttamento da allora fece la fortuna di Potosí.

Leggi tutto: Breve storia della Bolivia che ora attende le elezioni del 3 maggio

Bolivia: denuncia di incidenti contro media e giornalisti del settore popolare

Risultato immagini per Bolivia repression

 

INVOLUZIONE IN BOLIVIA: QUANDO PENSARE DIVERSAMENTE E' SINONIMO DI "SEDIZIONE E TERRORISMO"
L'autoproclamato governo di "transizione", dopo solo due mesi al potere, ha scatenato una feroce persecuzione non solo contro i leader politici e sindacali, ma anche contro i giornalisti e gli addetti alla comunicazione che hanno osato mostrare il volto sanguinario della repressione, specialmente a Senkata e Huayllani, con un preoccupante bilancio di 36 morti, più di 1000 feriti e altrettanti arresti.

Leggi tutto: Bolivia: denuncia di incidenti contro media e giornalisti del settore popolare

La causa di Berta: Organizzazioni internazionali esigono cattura degli “autori intellettuali”

                

Otre 1000 firme per chiedere giustizia 

Questo 3 febbraio, a meno di un mese dal quarto anniversario del vile assassinio della leader indigena Berta Cáceres, organizzazioni nazionali ed internazionali, accompagnate dal Consiglio Civico di Organizzazioni Popolari ed Indigene dell’Honduras (Copinh), hanno consegnato al Pubblico Ministero un documento nel quale si richiede allo Stato dell’Honduras "di procedere nell'investigazione, sentenza e punizione degli autori intellettuali" del crimine, iniziando dall'ex direttore dell'impresa Sviluppi Energetica SA (DESA), ed ex membro dell'apparato d’intelligence delle Forze Armate, David Castillo.

Leggi tutto: La causa di Berta: Organizzazioni internazionali esigono cattura degli “autori intellettuali”

Cuba Notizie - Dicembre 2019

 

CUBA SU CUBA

Dicembre 2019

 

 

Cuba aggiorna le leggi sulla violenza contro le donne e i  bambini

"Una commissione per ognuna delle 50 leggi già esistenti per decidere se creare un unico nuovo corpo legislativo per l’attenzione alla violenza contro la donna o riorganizzare l'impalcatura attuale". E' ciò che ha spiegato in un’intervista al portale Cubasí la dottoressa Mariela Castro Espín, Presidente del Centro Nazionale d’Educazione Sessuale (Cenesex).

Il Cenesex si è unito a diverse istituzioni e organizzazioni della società civile e dello Stato per attuare interventi concreti mirati a una miglior politica di protezione della donna e dell'infanzia.

Leggi tutto: Cuba Notizie - Dicembre 2019

All'interno del complotto per assassinare Berta Cáceres

 

 

Sono già trascorsi più di tre anni da quando Berta Cáceres fu assassinata nella sua casa in Honduras. Caceres era un'attivista di 44 anni, madre e celebrità mondiale. Nel 2015 aveva ricevuto il Premio Ambientale Goldman per aver condotto una campagna di base per evitare che un'impresa privata di energia, chiamata Sviluppi Energetici Società Anonima, costruisse una diga idroelettrica in territorio indigeno. Intorno alla mezzanotte del 2 marzo 2016, dei sicari entrarono in casa sua, le spararono e fuggirono. Lei morì dopo alcuni minuti tra le braccia di un amico.

Leggi tutto: All'interno del complotto per assassinare Berta Cáceres