TIBET: la scuola di Buddhismo tibetano Kagyu, ha tenuto la sua adunanza storica a Lhasa

15 Agosto 2016

Queste foto sono state prese il 14 agosto 2016, mostrano l'adunanza del “ Principio dell’ordine cosmico” a Lhasa, capitale della regione autonoma del Tibet nel sud-ovest della Cina. La scuola Kagyu del Buddhismo tibetano ha tenuto il suo raduno tradizionale durante il fine settimana, con centinaia di migliaia di fedeli provenienti dal Tibet e da altri posti della Cina. Questa adunanza è stata tenuta da Drikung Kagyu, una delle otto stirpi minori della scuola Kagyu del Buddhismo tibetano, risalente a più di 300 anni fa e si svolge nell'anno della scimmia del calendario tibetano, quest'anno nella valle di Drikung vicino al Drigung Monastero Thil. (Xinhua / Purbu Zhaxi)

Leggi tutto: TIBET: la scuola di Buddhismo tibetano Kagyu, ha tenuto la sua adunanza storica a Lhasa

Economia e sicurezza: due problemi interconnessi

Alla vigilia del G-20 in Cina

 

Intervista al "People's Daily" di Zivadin Jovanovic
Presidente del Forum Belgrado per un Mondo di Eguali

 

 

- Ci sono diverse visioni circa l'economica cinese. Lei come vede la situazione dell'economia in Cina?

 

L'economia cinese è la seconda più potente del mondo con reali prospettive, in un futuro non troppo lontano, di diventare la prima. Questo cambio di rapporti nel mondo, naturalmente, attrae fortemente, non sempre con un approccio oggettivo, l'attenzione dei mass media globali, centri tradizionali del potere economico e finanziario.

Leggi tutto: Economia e sicurezza: due problemi interconnessi

Di video indignati, bombe su Aleppo e dolore dei bambini

18 agosto 2016

 


Viviamo tempi difficili e sappiamo che in guerra la prima cosa a morire è sempre la verità.  Quando non è palese disinformazione si tratta di servizi o articoli orientati a carpire la benevolenza o l'orrore di chi ascolta, vede, legge.

Leggi tutto: Di video indignati, bombe su Aleppo e dolore dei bambini

L'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai: un modello per il nuovo assetto globale?

 

Mentre a causa del Brexit il Blocco Occidentale rischia una crisi di portata epocale, durante il vertice di Tashkent del 24 Giugno India e Pakistan hanno ufficializzato il loro ingresso come membri permanenti nell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO). Come ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin, alle due Potenze nucleari, a breve, potrebbe aggiungersi anche l’Iran che, insieme a Mongolia, Afghanistan e Bielorussia, ha lo status di Paese osservatore[1]. All'interno dell'Organizzazione asiatica vanno aggiunti i partner di dialogo Armenia, Azerbaigian, Cambogia, Nepal, Sri Lanka e Turchia.

Leggi tutto: L'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai: un modello per il nuovo assetto globale?

Cina e Serbia cooperano sempre di più

Forum di Belgrado per l’eguaglianza

 

Serbia e Cina coltivano una lunga tradizione di amicizia, reciproca fiducia, e cooperazione. Attualmente, mentre alcuni stati europei, con americani e altri paesi, cercano di vincere la concorrenza cinese, la Serbia cerca di rafforzare la sua cooperazione con la seconda economia più sviluppata del mondo e migliorare le relazioni di tipo strategico. L’imminente visita del Presidente Xi Jinping e il già programmato accordo per le relazioni strategiche accelererà la cooperazione in tutti i campi.

Cina e Serbia si percepiscono l’un l’altra come potenziali partner di lungo corso. La Serbia, sebbene sia una piccola economia, conta su una considerevole capacità di sviluppo , specialmente nel campo delle infrastrutture, energia, e produzione di cibo. Inoltre, la Serbia occupa una posizione favorevole a livello geopolitico, occupando la zona centro meridionale dell’Europa ed è attraversata da un importantissimo fiume, il Danubio. Come crocevia tra varie regioni ed anche continenti, la Serbia è la porta e il ponte per altre destinazioni per la cooperazione economica con l’Europa. Non è solo una coincidenza che nel dicembre 2014 la capitale Belgrado è stata la sede del summit “Cina + 16”, che ha ospitato paesi del centro e sud Europa riunitosi per sviluppare il progetto “la via della seta”, meglio noto come “Nuova via della seta del XXI secolo”. La Cina ha investito finora 13 miliardi di dollari per questo progetto, di cui 1,5 sono destinati alla sola Serbia.

Leggi tutto: Cina e Serbia cooperano sempre di più