Hebe De Bonafini: “José López è un traditore del kirchnerismo”

19/06/2016

Le Madri hanno fatto la loro marcia numero 1992 intorno alla Pirámide de Mayo, come lo fanno da più di 39 anni. Poi ha preso la parola la presidentessa dell’associazione, Hebe de Bonafini. Queste sono le sue dichiarazioni:

Leggi tutto: Hebe De Bonafini: “José López è un traditore del kirchnerismo”

Appello per la difesa dei diritti umani in Ucraina

 

L’Appello per la difesa dei Diritti Umani in Ucraina, con richiesta di sottoscrizione, che invieremo alle autorità ucraine ed europee

Siamo stati informati di numerose condotte contro i diritti umani e di repressioni politiche in Ucraina. Inoltre, siamo stati informati delle violazioni dei diritti dei bambini nati nel Donbass, da parte del governo attuale ucraino.

Leggi tutto: Appello per la difesa dei diritti umani in Ucraina

10 Maggio 2016 - Manifestazione contro la fabbrica delle bombe, RWM DOMUSNOVAS

 

 

Manifestazione il 10 maggio di fronte al piazzale della fabbrica di Domusnovas alle ore 16.00, in concomitanza alle proteste degli antimilitaristi tedeschi che in Germania manifestano a Berlino di fronte alla sede dell’assemblea generale degli azionisti.

Leggi tutto: 10 Maggio 2016 - Manifestazione contro la fabbrica delle bombe, RWM DOMUSNOVAS

24 Marzo 1999 - Marzo 2016 : NOI NON DIMENTICHIAMO

             

             

             

“…la guerra non è una canzone, che si può dimenticare

 la guerra è una favola funesta, che ogni giorno si manifesta…”    

Milena N. Kosovo, 12 anni

 

“…Ho appena dato mandato al comandante supremo delle forze alleate in Europa, il generale Clark, di avviare le operazioni d'aria (ndt: bombardamenti aerei…) sulla Repubblica Federale di Jugoslavia…Tutti gli sforzi per raggiungere una soluzione politica negoziata alla crisi del Kosovo sono falliti e non ci sono alternative all'intraprendere l'azione militare…”.

 

Così, il 23 marzo 1999, l'allora Segretario generale della NATO J. Solana, davanti ai mass media del mondo, decretava l'inizio della fine della “piccola” Jugoslavia e del popolo serbo in particolare. 

Leggi tutto: 24 Marzo 1999 - Marzo 2016 : NOI NON DIMENTICHIAMO

Incontro Internazionale dei Popoli “Berta Cáceres Vive”

 Encuentro Internacional de los Pueblos 

13, 14 y 15 Aprile 2016

 

“Svegliamoci! svegliamoci umanitá! non c´é piú tempo!”

Berta Cáceres



Con la spiritualitá e la forza dei nostri antenati e antenate, i movimenti sociali e popolari del mondo ci auto convochiamo per onorare la lotta di  Berta Caceres condividendo i sui ideali e il profondo amore per la madre terra e i beni comuni della natura.

 

Obiettivi dell'incontro:

 

1. Promuovere un processo di coordinamento e articolazione da parte della solidarietà internazionale per esigere giustizia per l'assassinio di Berta Caceres e per la liberazione di Gustavo Castro.

2. Promuovere l'internazionalismo militante in difesa dei beni comuni della natura e la lotta contro il modello estrattivista.

 

Data e luogo:

13 e 14 aprile 2016 - Incontro a Tegucigalpa.

15 aprile 2016 - Mobilitazione verso il fiume Gualcarque, Intibucá.

 

Registrazione:

Le organizzazioni partecipanti e i media possono registrarsi tramite il modulo in http://encuentrobertacaceresvive.blogspot.com/p/inscribete.html

 

Ulteriori informazioni

Per maggiori informazioni visita http://encuentrobertacaceresvive.blogspot.com

È inoltre possibile contattare l'e-mail encuentrobertacaceres@gmail.com

Telefono: +504 9920-5210

Skype: encuentro.bertacaceres

 

Convocano:

  • · Plataforma del Movimiento Social y Popular de Honduras (PMSPH)
  • · Articulación Popular Hondureña Berta Cáceres y
  • · Consejo Cívico de Organizaciones Populares e Indígenas de Honduras (COPINH)

COPINH: Appello alla solidarietà

Ringraziamo davvero tanto tutte le dimostrazioni e offerte di solidarietà nei confronti della nostra organizzazione, in questi momenti difficili che stiamo affrontando dopo il vile assassinio della nostra Coordinatrice Generale Berta Caceres Isabel Flores.

Ringraziamo tutte le organizzazioni del movimento popolare in Honduras, che sono state presenti e che hanno espresso il loro impegno a continuare a sostenere la lotta del popolo Lenca organizzato nel COPINH. Un ringraziamento speciale alle organizzazioni che compongono la Piattaforma dei Movimenti Sociali e Popolari dell’Honduras, della quale la nostra compagna Berta Caceres era coordinatrice generale.

Ringraziamo tutte le espressioni di solidarietà che sono giunte da organizzazioni e istituzioni del Paese, che hanno fatto eco al comunicato di denuncia per l’ingiustizia, per questo crimine contro il COPINH, e tutte quelle organizzazioni e persone che lottano contro l'esproprio dei territori da parte del grande capitale e del sistema patriarcale e razzista.

Esprimiamo la nostra gratitudine in modo speciale a tutta la solidarietà internazionale, che si è espressa attraverso dichiarazioni, appelli a far pressione sullo Stato honduregno mediante contatti ad alto livello, affinché esso risponda al mandato della giustizia e ascolti le voci del COPINH, affinché le istanze che come organizzazione abbiamo presentato vengano adempiute; così come ringraziamo per le offerte di sostegno di vario genere.

Leggi tutto: COPINH: Appello alla solidarietà

Campagna di adesione per Berta Cacereses

Invitiamo ad aderire e a diffondere, come singoli o come Associazioni, inviando al più presto una mail a: info@civg.it

Accanto all’eventuale sigla dell’associazione scrivete anche la dicitura per esteso e la città; se aderite come singoli, oltre nome e cognome e città, potete aggiungere se volete il vostro incarico o professione. Le adesioni saranno inviate in Honduras al COPINH.

 

Gli articoli che raccontano la storia:

Un ennesimo assassinio in Honduras: l’ultimo è quello dell’attivista e ambientalista honduregna Berta Caceres, leader dell’organizzazione indigena contadina COPINH dell’Honduras.

COMUNICATO delle figlie, figlio e madre di BERTA CACERES

COPINH: Appello alla solidarietà

Convocato un incontro internazionale per chiedere giustizia nel caso di Berta Caceres

Incontro Internazionale dei Popoli “Berta Cáceres Vive” - 13, 14 e 15 Aprile 2016

 

Leggi tutto: Campagna di adesione per Berta Cacereses

Comunicato di denuncia di Viktoria Shilova e del CIVG/CISNU: grave provocazione subita al ritorno a Kiev dopo la settimana di incontri in Piemonte

“Al mio ritorno dall’Italia mi aspettava una brutta sorpresa. Alle sei di mattina di sabato 12 marzo 2016 diversi agenti delle forze di sicurezza ucraine sono entrati in casa mia per effettuare una perquisizione. Sottolineo sin da ora che si sono comportati in modo civile e professionale, non hanno spaventato i miei figli, seppure per loro siano stati momenti difficili. Mi sono stati sequestrati il computer, la macchina fotografica con le foto degli incontri italiani, svariati libri portati dall’Italia – tra cui quello per i bambini del Donbass – e materiale documentale di vario tipo.

Da tutto questo si intuisce quanto il Governo attuale non mi sopporti più e come stia cercando nuove motivazioni per chiudermi la bocca.

Un anno fa abbiamo organizzato alcuni incontri con parlamentari europei sul tema degli ordinamenti governativi dei paesi dell’Eurozona e di quale sistema di democrazia debba essere costruito in un'Ucraina che punti a entrare nell'Unione Europea. Alle nostre tavole rotonde abbiamo sempre garantito la presenza delle forze dell'ordine e di sicurezza. Solo un anno fa, queste non ponevano alcuna riserva in relazione alle nostre iniziative. Dubbi e interrogativi compaiono solamente ora. Ed io credo di sapere il perché.

Il loro primo obiettivo è chiudermi la bocca, affinché il pubblico europeo non prenda sempre maggiore coscienza degli "atti eroici" del governo ucraino. Il secondo motivo non è meno importante: alle tavole rotonde abbiamo discusso dei temi della decentralizzazione e del ritorno dei miliardi di grivna alla tesoreria di Dnepropetrovsk, denaro che Kiev sta sottraendo indisturbata.

Come conseguenza, sono stata convocata per un interrogatorio sabato prossimo, 19 marzo 2016”.

 

Il video denuncia di Viktoria Shilova in russo:

Leggi tutto: Comunicato di denuncia di Viktoria Shilova e del CIVG/CISNU: grave provocazione subita al ritorno...

Raccolta firme per Berta Caceres

 Il CIVG (Centro di Iniziative per la Verità e la Giustizia), ritenendo completamente interno ai suoi intenti e obiettivi la battaglia di Berta Caceres,raccogliendo l’invito del COPINH, lancia una campagna di raccolta firme e sottoscrizione del comunicato che trovate in allegato, in segno di solidarietà ed in appoggio alle richieste del COPINH e dei familiari di Berta.

Invitiamo ad aderire e a diffondere, come singoli o come Associazioni, inviando al più presto una mail a:  info@civg.it

Accanto all’eventuale sigla dell’associazione scrivete anche la dicitura per esteso e la città; se aderite come singoli, oltre nome e cognome e città, potete aggiungere se volete il vostro incarico o professione. Le adesioni saranno inviate in Honduras al COPINH.

 

OMAGGIO A BERTA CACERES

Abbiamo appreso con profondo dolore, rabbia e indignazione del brutale assassinio di Berta Caceres, leader del COPINH (Consiglio Civico di Organizzazioni Popolari e Indigene dell’Honduras), di cui era stata cofondatrice e promotrice dal 1993.

Leggi tutto: Raccolta firme per Berta Caceres

COMUNICATO delle figlie, figlio e madre di BERTA CACERES

A fronte di quanto accaduto alla nostra Bertha, la nostra mamma, nostra figlia, la nostra guida

 

 

Noi, sue figlie Olivia, Bertha e Laura, suo figlio Salvador, sua madre Austra Bertha, accompagnati dai nostri famigliari e amiche e amici, noi vogliamo rendere pubblici i nostri pensieri in questo momento di profonda costernazione.

La nostra Bertha è la nostra più grande ispirazione, abbiamo pertanto sentito il bisogno di far ascoltare la verità sulla sua vita e la sua lotta.

In queste circostanze, vogliamo prima ringraziare tutta la solidarietà nazionale e internazionale che ci accompagna.

Ringraziamo per il suo sostegno il popolo Lenca, cui dedicò la parte più rilevante delle sue forze. Il popolo Garifuna, con cui si gemellarono lotte e utopie. Tutte le organizzazioni e movimenti sociali in Honduras, America Latina e nel mondo, che hanno fatto loro il nostro dolore. Siamo grati per tutte le immense manifestazioni  d’affetto e condoglianza che il popolo honduregno ha offerto,  a dimostrazione che la sua lotta è la lotta degna dei popoli, quella di cui il mondo ha bisogno.

Non si può distorcere la verità sul crimine che ha posto fine alla sua vita. Sappiamo con assoluta chiarezza che i motivi del vile assassinio sono stati la sua resistenza e lotta contro lo sfruttamento dei beni comuni della natura e in difesa del popolo Lenca. Il suo omicidio è un tentativo di porre fine alla lotta del popolo Lenca contro ogni forma di sfruttamento e saccheggio. Un tentativo di troncare la costruzione di un nuovo mondo.

Leggi tutto: COMUNICATO delle figlie, figlio e madre di BERTA CACERES