Dispersione e abbandono scolastico, la relazione educativa incide molto più della DAD

17 maggio 2021

https://image.jimcdn.com/app/cms/image/transf/dimension=240x1024:format=jpg/path/sd79fce0408536fb2/image/ib49e59aa9d5dd959/version/1621252350/image.jpg

 

Scrive La Repubblica: “I dispersi della Dad. Quei 200 mila ragazzi in fuga dalla scuola. La paura del contagio, le difficoltà di studiare online, la povertà e l'isolamento. Allarme abbandono dopo due anni scolastici con il virus: dal 40% di Gela al 25% di Pavia. Le storie dei ragazzi sconfitti dalla Didattica a distanza”

Leggi tutto: Dispersione e abbandono scolastico, la relazione educativa incide molto più della DAD

Val d’Agri, tra inquinamento e lotte popolari – Un’intervista a Camilla Nigro

 

valdagri

 

Ringraziamo Camilla Nigro (Osservatorio Popolare Val d’Agri – Liberiamo la Basilicata) per averci concesso questa intervista, dedicata al complesso tema delle ricadute dello sfruttamento di fonti energetiche fossili sulla salute delle popolazioni della Val d’Agri (Basilicata).

 

Leggi tutto: Val d’Agri, tra inquinamento e lotte popolari – Un’intervista a Camilla Nigro

Cari sindacati, con le lacrime di coccodrillo non ci facciamo nulla

 

 

Apprendiamo, per l’ennesima volta dopo una serie di omicidi del lavoro un po’ più numerosi o ravvicinati del solito, che i sindacati (per esempio CGIL.CISL UIL Lombardia) nel denunciare l’incremento degli infortuni mortali in regione chiedono di aprire una vertenza sulla sicurezza sul lavoro e di “restituire operatività ai Servizi di prevenzione negli ambienti di lavoro cui spetta la vigilanza sul rispetto delle norme e la prevenzione, rafforzando il personale dedicato ai controlli nelle aziende”.

Leggi tutto: Cari sindacati, con le lacrime di coccodrillo non ci facciamo nulla

Lettera aperta al Sindaco Ascoli Piceno


Il mito assolutorio degli "italiani brava gente" tra consenso e rimozione.  Antonelli: "Dal fronte arriva l'immagine di combattenti feroci" - il  Dolomiti


Egregio Signor Sindaco di Ascoli Piceno, 

città decorata Medaglia d'Oro al valor militare per attività partigiana

Era domenica 4 maggio 1980, verso le 15,30. Mi trovavo sulla frontiera italo-jugoslava con un gruppo di ginnasiali di Ascoli Piceno, al rientro da un viaggio attraverso la Jugoslavia "dal monte Triglav al fiume Vardar...", quando ci raggiunse la triste notizia della morte di Tito. 

Leggi tutto: Lettera aperta al Sindaco Ascoli Piceno

I medici che non si vaccinano non possono lavorare. Facciamo lo stesso con i ginecologi obiettori.

6 aprile 2021

I medici che non si vaccinano non possono lavorare. Facciamo lo stesso con  i ginecologi obiettori. - THE VISION

Con un decreto che entrerà in vigore il 7 aprile, il consiglio dei ministri ha imposto l’obbligo vaccinale per il personale sanitario. La mancata vaccinazione contro il Covid-19 “determina la sospensione dal diritto di svolgere prestazioni o mansioni che implicano contatti interpersonali”, che si concretizza nel trasferimento in un nuovo reparto o, se non fosse possibile, nella sospensione temporanea dello stipendio fino al termine della campagna vaccinale.

Leggi tutto: I medici che non si vaccinano non possono lavorare. Facciamo lo stesso con i ginecologi obiettori.

Sottocategorie