Pillole di storia operaia. Esposti a morte.

14. settembre 2018

 

 

Pillole di storia operaia. Ci hanno esposto alla morte…
QUALCHE RIGA COME INTRODUZIONE… 

1981. Breda Fucine di Sesto San Giovanni. “A trenta metri dal mio posto di lavoro, nello stesso gigantesco capannone, c’era il “macchinone”, all’inizio della “seconda linea”. Vi si producevano aste per l’estrazione petrolifera su licenza americana. La “seconda linea” era stata acquistata nuova di pacca, perché nello stabilimento di Houston (Texas, USA) – stranamente – l’avevano accantonata subito dopo averla completata. Chissà perché?

Leggi tutto: Pillole di storia operaia. Esposti a morte.

In Italia si continua a morire come nell’800’

Bollettino n. 82–settembre 2018 __________________________________________________________

 

Sabato 6 ottobre 2018 - ore 15,30 - ASSEMBLEA

presso il CENTRO DI INIZIATIVA PROLETARIA “G. TAGARELLI”

Via Magenta 88 Sesto San Giovanni

 

O.d.G.:

1)     Bilancio delle attività del Comitato, informazione sulle cause penali

2)     Dibattito sui morti sul lavoro con lavoratori e delegati RSU di diversi sigle sindacali

3)     Avviato il contenzioso legale contro il Comune di Sesto San Giovanni per le spese abnormi della sede.

4)     Varie.

Leggi tutto: In Italia si continua a morire come nell’800’

Cucchi, l'omertà dei medici italiani. Il Tribunale trova un perito solo in Germania

12 luglio 2018

Il clinico medico tedesco proverà a spiegare il calvario di Stefano Cucchi, morto di fame e sete per cui dovranno fornire dettagliate spiegazioni cinque dottori dell'ospedale Pertini

 

Ilaria con la foto della morte del fratello Stefano Cucchi

Leggi tutto: Cucchi, l'omertà dei medici italiani. Il Tribunale trova un perito solo in Germania

Castrovillari, verità e giustizia per Soumaila Sacko

03/06/2018

 

Noi lavoratori dell'azienda agrícola Torre di Mezzo di Castrovillari costernati per quanto accaduto ci stringiamo nel dolore della famiglia del fratello Soumaila Sacko.

Leggi tutto: Castrovillari, verità e giustizia per Soumaila Sacko

Continuano gli omicidi sul lavoro e per il lavoro, questa strage va fermata immediatamente!


 

Nella foto il presidio FLMU-Cub all'ILVA

 

Non è sufficiente scrivere comunicati e fare scioperi episodici.

E’ necessaria una grande mobilitazione di tutto il mondo del lavoro.

All’ILVA occorre fermare adesso le cause di tutte queste tragedie: impianti senza manutenzione, fonti inquinanti, appalti senza regole.

Vanno difesi la salute e il lavoro tutelato.

Impedire questa scia di morti per il profitto.

La FLMUniti – CUB oggi, da subito, presidia la Direzione dell’ILVA (foto sopra) e chiama alla mobilitazione i lavoratori e i cittadini.

Una risposta immediata per una più grande risposta organizzata!

La nostra vita, la nostra dignità non si comprano!

 

17.05.2018             FLMUniti-CUB

Leggi tutto: Continuano gli omicidi sul lavoro e per il lavoro, questa strage va fermata immediatamente!

Sottocategorie