Il ritorno del sonnambulismo: Sarajevo 1914 - Ucraina 2022

 

LA PRIMA GUERRA MONDIALE timeline | Timetoast timelines Skytg24 :" Guerra in Ucraina ! Gli eventi della notte del 8 giugno 2022 " -  www.87tv.it

 

Una decina di anni fa, nel libro “The Sleepwalkers” (“I sonnambuli”), lo storico britannico Christopher Clark descriveva come la leadership delle potenze europee si fosse inconsapevolmente incamminata sulla strada della Prima Guerra Mondiale, così facendo causando la morte di più di 15 milioni di persone. Oggi assistiamo ad un altro tragico caso di “sonnambulismo”, mentre una guerra che sta causando morte e distruzione imperversa in Ucraina e si corre il rischio di una catastrofe nucleare.

Come nel caso di Sarajevo nel 1914, l’odierno conflitto in Ucraina non era inevitabile, ed è stato causato dall’inettitudine dalle potenze NATO guidate dagli Stati Uniti. Apparentemente, il problema sembrava facile da risolvere. Era incentrato sull’aspettativa che l’Ucraina diventasse un membro della NATO, un evento cui la Russia si opponeva da tempo. È impossibile credere che gli americani e gli altri leader NATO non avessero previsto che un’operazione del genere sarebbe stata interpretata dai russi come causa di una guerra.

Leggi tutto: Il ritorno del sonnambulismo: Sarajevo 1914 - Ucraina 2022

ONU: la Russia denuncia i crimini dell'Ucraina

24 agosto 2022

 

Embaixador russo diz que guerra foi iniciada pela Ucrânia

 

Zelensky si eclissa e abbandona l'incontro delle Nazioni Unite mentre la Russia denuncia i crimini dell'Ucraina. Il presidente dell'Ucraina si è rivolto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite tramite un video-link debordante, in violazione del protocollo ONU

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha consentito al presidente ucraino Vladimir Zelensky di parlarne in collegamento video mercoledì,24 agosto 22, dopo che è stata fatta un'eccezione alle regole che si deve partecipare solo di persona che l'inviato di Mosca ha cercato di sostenere. Dopo aver denunciato la Russia, Zelensky ha deciso di andarsene prima che l'ambasciatore russo Vassily Nebenzia nel suo discorso indicasse il suo governo e i suoi sostenitori occidentali come la principale minaccia all'indipendenza dell'Ucraina.

Leggi tutto: ONU: la Russia denuncia i crimini dell'Ucraina

Come ci hanno mentito sulla minaccia russa negli ultimi 30 anni

nuk

Un'autorità indiscutibile sugli affari interni della NATO rivela la verità, senza sapere che lo fa, e senza che i media comprendano le sue affermazioni scioccanti.

La verità verrà fuori, come si suol dire, e, a volte in modi strani. Il 9 marzo 2022, l'ex primo ministro danese ed ex segretario generale della NATO, Anders Fogh Rasmussen, ha rilasciato un'intervista alla televisione danese 2. Sotto un estratto di 30 secondi.

A mio avviso, è stato profondamente scioccante per tre ragioni.

Leggi tutto: Come ci hanno mentito sulla minaccia russa negli ultimi 30 anni

Bielorussia. Qualcuno si ricorda ancora dell’oppositore Roman Protasevic? Secondo i media occidentali rapito, torturato, segregato dal “regime” di Lukashenko.

1 luglio 2022

 

Belarus: Colleague of detained journalist Roman Protasevich receives death  threats by text | World News | Sky News Roman Protasevich: el periodista que se convirtió en diana de Lukashenko |  Internacional | EL PAÍS

 La vicenda riguardante il blogger oppositore del governo bielorusso era stato uno degli argomenti più trattati al momento del suo arresto, insieme alla sua fidanzata di allora Sofia Sapieha, conseguente alla vicenda dell’aereo RyanAir fatto atterrare a Minsk  il 23 maggio 2021. Su tutti i media occidentali si scatenò una campagna internazionale per la sua liberazione dove si scriveva che era a rischio della stessa vita. Vediamo un anno dopo qual è la situazione.

Leggi tutto: Bielorussia. Qualcuno si ricorda ancora dell’oppositore Roman Protasevic? Secondo i media...

Iniziativa “Per un Mondo Multipolare”

maggio 2022

 

Da qualche tempo, il mondo è mutato. Una mutazione rapida, che procede tuttora ad un ritmo incalzante. I vecchi equilibri fra le potenze vengono bruscamente rimessi in discussione, sul piano militare, politico, economico e persino culturale. Piaccia o meno, la storia ci presenta questa situazione. Negarla equivale a nascondere la testa sotto la sabbia.

Leggi tutto: Iniziativa “Per un Mondo Multipolare”