La vittoria di Julian Assange

https://i0.wp.com/off-guardian.org/wp-content/uploads/2019/04/skynews-julian-assange-arrested_4635825.jpg?resize=840%2C473&ssl=1

Nella storia, le forze oscure e reazionarie hanno sempre cercato di controllare il mondo, con la violenza, con l’inganno monopolizzando o manipolando la vulgata mainstream, o spargendo paura tra le masse.

In sostanza, coraggiose ed oneste persone si sono opposte, denunciando bugie, brutalità e corruzione morale. Alcuni hanno combattuto i malvagi potenti usando spade o pistole, altri hanno scelto le parole come loro arma. Molti di loro furono eliminati. Nuovi compagni si sono formati, nuovi striscioni di resistenza vengono esposti. Resistere è il sogno per un mondo migliore, e sognare è vivere.

Leggi tutto: La vittoria di Julian Assange

Daniel Ellsberg parla dell’arresto di Julian Assange

23 aprile 2019

“Senza informatori (o whistleblowers) non avremmo democrazia. E devono esserci quelli che diffondono le notizie e le pubblicano”

                                  

Daniel Ellsberg*, l’informatore che ha rivelato i Pentagon papers (i documenti del Pentagono), ritiene che il recente arresto di Assange costituisca una minaccia per la libertà di stampa e la stessa democrazia americana.

Leggi tutto: Daniel Ellsberg parla dell’arresto di Julian Assange

Abbandonare Assange significa abbandonare la verità in mano ai mentitori e precluderla a tutti noi

 

 

Petizione da firmare di protesta per il sequestro forzato di Julian Assange nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra, di richiesta di immediata liberazione dalla prigione a cui il regime britannico lo ha condannato per 50 settimane e di opposizione all'estradizione negli Stati Uniti di cui Assange su Wikileaks ha rivelato legittimamente, da giornalista, i crimini perpetrati in Iraq, Afghanistan e in altri scenari di guerre d'aggressione Usa e Nato. Negli Usa, Assange rischia la pena di morte per "spionaggio".

Leggi tutto: Abbandonare Assange significa abbandonare la verità in mano ai mentitori e precluderla a tutti noi

Sardegna: questione scorie nucleari

E' già da qualche giorno che la questione delle scorie nucleari sta tornando alla ribalta.
C'è da scegliere il posto dove metterle. E, naturalmente, la Sardegna è in prima linea perché non è zona sismica.

Ogni tanto mi chiedo se si tratti di uno scherzo di cattivo gusto, di una pesante incompetenza delle istituzioni o di una deliberata volontà di mantenere la Sardegna in condizioni mediocri dal punto di vista territoriale, economico e sociale, in modo da renderla più appetibile per determinate cose. Tipo le scorie nucleari, per l'appunto.
Della serie che in Sardegna c'è meno da perdere. Siamo pochi, poveri, inquinati e disuniti. Gli spagnoli aggiungevano che siamo pazzi. E avevano ragione.

Leggi tutto: Sardegna: questione scorie nucleari

Appello agli attivisti per aiutare il popolo del Montenegro

Maggio 2017

 

Il Montenegro sta affrontando una situazione pericolosa. Il Parlamento recentemente ha preso una decisione contro la volontà della maggioranza dei cittadini, di aderire alla NATO, sebbene l'84% della popolazione del Montenegro, secondo le fonti del governo, è a favore di un referendum per decidere.
Bisogna comprendere che forzare il Montenegro a entrare nella NATO, da parte della NATO e dai suoi partner e dalla cricca di stile mafioso al potere del paese, può solo destabilizzare la società ed è quello che sta già succedendo oggi.

Leggi tutto: Appello agli attivisti per aiutare il popolo del Montenegro