Uzbekistan. Un altro paese nel mirino delle strategie occidentali antirusse, inserito nel Progetto USA “C5+1”

luglio 2021

Kazakistan e Kirghizistan: uno sguardo d'insieme – Missionarie della  Consolata

 

All’interno delle strategie geopolitiche gli Stati Uniti, dai tempi della caduta dell’URSS hanno sempre dedicato particolare attenzione alle cinque repubbliche dell'Asia centrale: Kazakistan, Kirghizistan, Turkmenistan, Tagikistan e Uzbekistan, con l’obiettivo di far saltare il ponte geografico e politico che forma un collegamento naturale che congiunge Cina e Russia, destabilizzando tutta quell’area continentale. Già in passato Hillary Clinton, come Segretario di Stato, illustrando le linee strategiche della politica statunitense, proclamò che mai gli USA avrebbero permesso qualsiasi forma di “resurrezione dell'URSS" in quell’area in particolare, per la sua posizione geostrategica, per questo motivo quelle Repubbliche andavano costantemente monitorate e “seguite”, in sostanza sono un obiettivo della politica imperialista.

Leggi tutto: Uzbekistan. Un altro paese nel mirino delle strategie occidentali antirusse, inserito nel...

Bielorussia 22 giugno 1941-1945. Lukaschenko : Non cederemo a nessuno la nostra patria, l'indipendenza e la sovranità!

https://www.sb.by/upload/iblock/96b/96bb30c0aad7b5a267634394710eef97.jpg https://eng.belta.by/images/storage/news/with_archive/2021/000163_1625306895_141407_big.jpg

Discorso del presidente Alexander Lukashenko al complesso commemorativo della fortezza degli eroi di Brest    

Cari bielorussi! Compatrioti! Cari veterani! Ospiti e amici della nostra Bielorussia!

Il 22 giugno 1941 per tutti i bielorussi è un giorno di memoria e dolore, una data che ha diviso la vita del popolo prima e dopo.
Quella domenica mattina d'estate divenne un terribile confine tra pace e guerra, tra luce e oscurità, tra vita e morte.
Un'armata armata e spietata si mosse sulla nostra terra, portando morte e schiavitù. I nazisti non risparmiarono né gli anziani né i bambini.

Leggi tutto: Bielorussia 22 giugno 1941-1945. Lukaschenko : Non cederemo a nessuno la nostra patria,...

Moldavia verso le nuove elezioni

5 luglio 2021

 

L’11 luglio la Moldavia, dopo poco più di 7 mesi del fallimentare governo europeista e filo NATO della Maia Sandu, vincitrice di misura delle elezioni del 15 novembre scorso, di fronte ad una completa incapacità della stessa e dei suoi alleati di migliorare o cambiare la difficile situazione del paese, il paese ex sovietico affronta una nuova tornata elettorale. Per il popolo moldavo stavolta ci potrebbe essere una nuova speranza legata alla storica, dati i precedenti scontri fratricidi, decisione dei due partiti progressisti moldavi, di formare una alleanza elettorale per puntare a riprendere il governo del paese.

Leggi tutto: Moldavia verso le nuove elezioni

Saharawi. Lo stato spagnolo di Aragona chiede la libertà dei prigionieri politici e delle dighe saharawi.

 

https://www.resumenlatinoamericano.org/wp-content/uploads/2021/04/sahara-aragon-e1618965506924.jpg

Nella giornata internazionale dei prigionieri politici, il coordinatore della piattaforma SAHARAGÓN ha voluto far conoscere il conflitto nel Sahara occidentale e la situazione delle rappresaglie saharawi.

Leggi tutto: Saharawi. Lo stato spagnolo di Aragona chiede la libertà dei prigionieri politici e delle dighe...

Condanna definitiva all’ergastolo del Generale Mladic, al Tribunale della NATO dell’Aja.

10 giugno 2021

 

Arrestato il generale Mladic, ricercato per genocidio in Serbia -  ilGiornale.it У Хагу јутрос оперисан генерал Ратко Младић | БН

 

Come previsto, è stata ribadita la sentenza di condanna definitiva del Generale serbo bosniaco Ratko Mladic all’ergastolo.

 

La Camera d'appello del funzionamento del Tribunale Penale dell'Aia, ha confermato l’otto giugno la condanna all'ergastolo dell'ex comandante in capo dell'esercito della Repubblica Srpska. Questo, nonostante la posizione dissenziente e favorevole ad un nuovo processo di fronte ad un’altra Corte, della presidente dell’attuale Corte, Prisca Matimba Nyambe, come richiesto dagli avvocati difensori del Generale, in quanto si erano verificati troppi vizi di procedura e violati numerosi protocolli giurisprudenziali del Diritto Internazionale.

Leggi tutto: Condanna definitiva all’ergastolo del Generale Mladic, al Tribunale della NATO dell’Aja.