AFGHANISTAN, UNA ULTERIORE DOLOROSA CONFERMA

16 settembre 2021

 

 

           Precedenti storici

La guerra di vent’anni è terminata com’era inevitabile che terminasse.   Una guerra voluta, inutile, costata la vita a 240.000 afghani, in maggioranza civili, ed a 2.500 militari USA, apparentemente scatenata per punire l’Emirato afghano per il rifiuto frapposto da Kabul nel 2001 alla richiesta americana di consegnare Usama bin Laden, ritenuto reo del massacro delle Torri Gemelle in ordine al quale lati oscuri tuttora persistono.

Leggi tutto: AFGHANISTAN, UNA ULTERIORE DOLOROSA CONFERMA

CARTA (STAGNOLA) CANTA

 

Why does Afghanistan grow so much opium?

 

Nell’ottobre del 2001, mentre Bush junior attaccava l’Afghanistan in risposta agli attentati dell’11 settembre, io cominciavo i miei primi corsi di storia contemporanea e di dottrine politiche all’Università di Bologna. Ero una matricola che cercava di capire i concetti di capitalismo, neo-imperialismo, globalizzazione o esportazione della democrazia e di approfondire la storia del potere, delle guerre e del passaggio di consegne dalla pax britannica a quella americana. Non fu difficile comprendere che le guerre che affrontava la Gran Bretagna nell’800 per il controllo del commercio dell’oppio attraverso eserciti e banche dedicate rappresentavano il precedente in grado di far luce sulle logiche che muovono gli attuali conflitti legati al narcotraffico ma non avevo ancora colto la stretta relazione tra i miei studi e la stagnola annerita che trovavo di frequente per terra sotto i portici vicino al mio appartamento.

Leggi tutto: CARTA (STAGNOLA) CANTA

Afghanistan, il capolinea geopolitico di USA, NATO e dell’occidente in Asia.

20  agosto 2021

 

Cara America, sei delirante e fallisci in tutto ciò che intraprendi  https://russia-insider.com/sites/insider/files/styles/w726xauto/public/main/2019-Dec-18/pierachini-930x520.png?itok=TBfrqMqQ

 

Per affrontare con cognizione di causa, le questioni odierne relative all’Afghanistan, oltre alla sua storia millenaria (compito di bravi studiosi o storici), occorre avere o dotarsi di una profonda conoscenza geopolitica e soprattutto “laica”, cioè non ideologica o partitica, in particolare degli ultimi 43 anni, data della Rivoluzione popolare democratica, il più avanzato esperimento progressista e socialista della storia in un paese musulmano…cosa che quasi nessuno fa:...o per non conoscenza, o per scelta politica, o per vergogna…

Leggi tutto: Afghanistan, il capolinea geopolitico di USA, NATO e dell’occidente in Asia.

Appello di cittadini ebrei israeliani: Fermate l’apartheid di Israele.

22 maggio 2021

 

 

http://zeitun.info/wp-content/uploads/2021/04/memo-777x437.jpg

 

Lettera aperta alla Comunità internazionale

Noi, ebrei israeliani, ci opponiamo alle azioni del governo israeliano e con la presente dichiariamo il nostro impegno ad agire contro di loro. Ci rifiutiamo di accettare il regime ebraico-suprematista e chiediamo alla comunità internazionale di intervenire immediatamente in difesa dei palestinesi a Gaza, Cisgiordania, Gerusalemme, Galilea, Negev, al-Lydd, Yafa, Ramleh, Haifa e Palestina.

Leggi tutto: Appello di cittadini ebrei israeliani: Fermate l’apartheid di Israele.

Russia e Serbia hanno stretto il nodo della fratellanza militare

25/05/2021

 

Il trasferimento di 60 unità di equipaggiamento militare dalla Russia alla Serbia non ha tanto una difesa quanto un significato politico ...

 

Il trasferimento di 60 unità militari dalla Russia alla Serbia non ha tanto una logica di  rafforzamento della difesa del paese balcanico, quanto un significato politico.

Su questo concordano tutti gli esperti militari consultati.

Il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha consegnato 60 unità di equipaggiamento militare alle forze armate serbe: 30 carri armati T-72 modernizzati con protezione potenziata e un nuovo proiettile subcalibro e 30 veicoli BRDM 2-M con maggiore resistenza alle mine. Per un mese, i militari russi hanno collaborato  con i loro colleghi serbi per padroneggiare la nuova tecnologia.

Leggi tutto: Russia e Serbia hanno stretto il nodo della fratellanza militare