Notiziario Patria Grande - Luglio 2022

NOTIZIARIO

LUGLIO 2022

 

 

 

 

Atilio A. Boron / COMMEMORAZIONE

Evita: un lascito imprescindibile

 

Geraldina Colotti / ANNIVERSARIO RIVOLUZIONE SANDINISTA

Ancora al vento le bandiere del sandinismo

 

RESUMEN LATINOAMERICANO (CUBA) / ANALISI / BIGFARMA E SANITA’

Peter C. Gøtzsche: "L'industria farmaceutica è molto ricca e ha corrotto i sistemi sanitari"

 

GRANMA (CUBA) / ESTERI / AMERICA LATINA E CORSA AGLI ARMAMENTI

America Latina e Caraibi ratificano il Trattato di Proibizione dei Test Nucleari

 

GRANMA (CUBA) / ECONOMIA / COLLABORAZIONE CUBA-MESSICO

Messico e Cuba lavorano per creare condizioni d’impresa di successo

 

GRANMA (CUBA) / ANALISI / STATI UNITI E PULSIONI SOCIALI

Gli Stati Uniti bramano i dinosauri

 

GRANMA (CUBA) / ESTERI / DIRITTI UMANI

ONU approva risoluzione di Cuba su Diritti Umani e solidarietà internazionale

 

 

Leggi tutto: Notiziario Patria Grande - Luglio 2022

Bollettino TRIMESTRALE dell'Associazione Italia Nicaragua - 07/09 2022

 

NICARAHUAC - Bollettino TRIMESTRALE dell'Associazione Italia Nicaragua

161 - luglio settembre 2022

 

Leggi tutto: Bollettino TRIMESTRALE dell'Associazione Italia Nicaragua - 07/09 2022

Nessuno ha ucciso Lollo.

 

 

Lorenzo Zaratta – detto Lollo - aveva solo 5 anni quando, il 30 luglio del 2014, è morto per un tumore cerebrale, un astrocitoma. Nel suo tessuto cerebrale erano stati trovati ferro, acciaio, zinco, silicio e alluminio. Lorenzo Zaratta viveva a Taranto, quartiere Tamburi, ed era divenuto il simbolo della lotta all’inquinamento.

Per la sua morte sono stati processati 9 dirigenti di quella fabbrica di morte che è l’ILVA: processati sì, ma assolti a vario titolo, come sempre succede in questi casi.

Leggi tutto: Nessuno ha ucciso Lollo.

La società Svedese e la NATO

Agosto 2022

 

Alcune centinaia di manifestanti si radunano durante una manifestazione contro l'adesione alla NATO fuori dall'ufficio del partito socialdemocratico al potere a Stoccolma, Svezia,

 

Mentre una grossa parte degli svedesi è favorevole all'adesione alla NATO, ci sono altri settori sociali e politici che sono scesi in piazza per protestare e opporsi. Denunciano che la decisione è affrettata e che la Svezia dovrebbe attenersi più sensatamente alla sua tradizione di neutralità. Prospettano che perdere la neutralità militare non contribuirà alla pace mondiale, ma favorirà ulteriori scenari di guerre.

Leggi tutto: La società Svedese e la NATO

ONU: la Russia denuncia i crimini dell'Ucraina

24 agosto 2022

 

Embaixador russo diz que guerra foi iniciada pela Ucrânia

 

Zelensky si eclissa e abbandona l'incontro delle Nazioni Unite mentre la Russia denuncia i crimini dell'Ucraina. Il presidente dell'Ucraina si è rivolto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite tramite un video-link debordante, in violazione del protocollo ONU

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha consentito al presidente ucraino Vladimir Zelensky di parlarne in collegamento video mercoledì,24 agosto 22, dopo che è stata fatta un'eccezione alle regole che si deve partecipare solo di persona che l'inviato di Mosca ha cercato di sostenere. Dopo aver denunciato la Russia, Zelensky ha deciso di andarsene prima che l'ambasciatore russo Vassily Nebenzia nel suo discorso indicasse il suo governo e i suoi sostenitori occidentali come la principale minaccia all'indipendenza dell'Ucraina.

Leggi tutto: ONU: la Russia denuncia i crimini dell'Ucraina

Pechino. Conferenza stampa del Ministero degli Esteri

5 agosto 2022

 

CGTN fined £225,000 for Broadcasting Code breach Foreign Ministry Spokesperson Hua Chunying's Regular Press Conference on  February 17, 2015

Contenuti:

Relazioni  con Stati esteri, questioni internazionali  e visita di Nancy Pelosi a Taiwan.

Domande di CGTN (China Global Television Network), CCTV (China Central Television), Shenzhen TV, Phoenix TV, Reuters, Associated Press of Pakistan, Hubei Media Group, CNR (China National Radio)

Leggi tutto: Pechino. Conferenza stampa del Ministero degli Esteri

Docente esperto, l’ultima pirotecnica baggianata del governo Draghi

Sciopero e richiesta di Stati Generali della scuola per tornare a porre la scuola, l’università e i saperi al centro della società

 

https://image.jimcdn.com/app/cms/image/transf/dimension=460x1024:format=jpg/path/sd79fce0408536fb2/image/ie3f27dd9e8ea436b/version/1661273200/image.jpg

 

Tre percorsi formativi di tre anni per un totale di nove anni al termine dei quali il 99% del corpo docenti italiano verrà giudicato “inesperto” e quindi punibile con la conferma degli stipendi meno significativi di tutta l’Unione Europea. Francamente neppure Berlinguer nel 2000 si era inventato tanto, il suo concorsone definiva un numero inferiore di “cretini”, solo i quattro quinti, tra l’altro proprio quel concorso lo ha mandato a casa, dopo un sciopero indetto dal sindacalismo di base a metà febbraio di quell’anno e sul cui carro vincente son saltati tutti, ricordiamo a un mese di distanza sindacalisti confederali che si attribuivano il merito dell’azione di lotta, che invece avevano osteggiato, essendo pronti alla firma anche di quella stupidaggine.

Leggi tutto: Docente esperto, l’ultima pirotecnica baggianata del governo Draghi