Il grande Gap

09/05/2022

 

 L'ad di Stellantis, Carlos Tavares

 

Il caso dell'ad di Stellantis ha riportato di attualità il fenomeno della differenza stellare tra le retribuzioni dei manager e i salari degli operai e dei tecnici. Quali sono le ragioni e quali le possibili alternative alla crescita infinita della diseguaglianza? Lo abbiamo chiesto a tre esperti

Il segretario generale della Cgil Landini urante una recente trasmissione delle Iene ha detto che è inammissibile la differenza tra remunerazioni dei manager e degli ad con quelle degli operai. Il caso è sorto per le battute del presidente francese Macron, che rispondendo alla domanda di un giornalista sullo stipendio milionario dell’ad di Stellantis, Carlos Tavares, ha parlato di un fenomeno scandaloso.

Leggi tutto: Il grande Gap

La grande menzogna sul grano ucraino. Kiev non è il granaio del mondo e neppure d’Europa

29 maggio 2022

 

Grano, la Russia blocca l'export dall'Ucraina - Pars Today

 

“La Russia vuole affamare il mondo, bloccando l’esportazione del grano ucraino per via mare”. È questa la nuova bufala dei media italiani di regime. D’altronde sul terreno l’esercito russo avanza e non si può continuare a raccontare di ripiegamenti delle armate putiniane pronte ormai alla resa. Dunque occorre cambiare la menzogna quotidiana. E cosa c’è di meglio di provocare una nuova ondata di indignazione e di terrore nel gregge italico? Il Covid non funziona più, il vaiolo delle scimmie non funziona ancora. Ma la carestia è sempre un tema di successo.

Leggi tutto: La grande menzogna sul grano ucraino. Kiev non è il granaio del mondo e neppure d’Europa

Gli schieramenti nucleari in Finlandia e Svezia non sono esclusi, afferma la NATO

9 giugno 2022

 

https://libertarianinstitute.org/wp-content/uploads/2022/06/NukesCover.jpg

 

L'alleanza militare della NATO non offrirà alla Russia alcuna garanzia in merito al dispiegamento di armi nucleari nei potenziali Stati membri Svezia e Finlandia, con un alto funzionario del blocco che sottolinea che tali decisioni devono essere lasciate alle singole nazioni.

Leggi tutto: Gli schieramenti nucleari in Finlandia e Svezia non sono esclusi, afferma la NATO

Radici del nazifascismo in Ucraina. Una genesi che viene da lontano.

maggio 2022

 

FINO al 1945 ( II °parte)

Olocausto nel giugno-luglio 1941. I pogrom a Leopoli/Lvov

 

Molti storici indicano che il pogrom contro la popolazione ebraica iniziò dopo l'ingresso delle truppe di occupazione tedesche a Leopoli, i rastrellamenti iniziarono la mattina del 30 giugno 1941, da parte delle forze della milizia OUN, che avevano i bracciali giallo e blu sul braccio sinistro, contemporaneamente all'ingresso della Wehrmacht a Leopoli. La propaganda antisemita tra la popolazione locale dell'Ucraina occidentale era stata condotta instancabilmente dall'OUN, la cui posizione nazista e xenofoba era propagandata apertamente dalla sua leadership e dai suoi membri. All'inizio di luglio del 1941, l'OUN emise un proclama con le parole: "Gente! Ascoltate! Mosca, la Polonia, i magiari, gli ebrei, i comunisti, i “Lyakhs” ( polacchi) sono i vostri nemici. Distruggeteli! Distruggeteli senza pietà”. Le trasmissioni radiofoniche dell'OUN invitavano la popolazione a uccidere gli ebrei. Il programma di "soluzione finale" in stile tedesco della " questione ebraica" era popolare nell'Ucraina occidentale quanto lo era l'OUN. Il pogromdiretto dai banderisti….fu fermato il 2 luglio 1941 dalle forze della Wehrmacht!!

Uno dei comandanti dell’OUN era il futuro comandante in capo dell'UPA, Roman Shukhevych.

Al processo di Norimberga vi furono una serie di testimonianze dei comandanti delle unità della Wehrmacht che entrarono a Leopoli, dove furono trovati nelle prigioni molti cadaveri torturati e mutilati. Il 2 luglio 1941, il 49° Corpo da montagna tedesco prese provvedimenti contro il maltrattamento degli ebrei e dei vari prigionieri da parte dei nazionalisti ucraini locali. Il pogrom provocò la morte di circa 4.000 ebrei entro il 3 luglio, di cui mille furono uccisi durante l'assalto alla prigione di Brigidki e in altre prigioni di Leopoli, oltre a 3000 ucraini sovietici.

 

Львов погром -Печарский+стрелка 2

Leggi tutto: Radici del nazifascismo in Ucraina. Una genesi che viene da lontano.

CIVG Informa n.201

24 Maggio 2022
Se volete contattarci per collaborare con questo progetto, per proporci materiali, per chiedere altre informazioni o per essere cancellati dalla newsletter, inviate una mail a info@civg.it. A seguire, gli ultimi articoli caricati sul sito.
Sanità, USB: il Cardarelli non è una sorpresa.
USB

 

 

In Italia i pronto soccorso sono in emergenza già da venti anni. Occorre un piano assunzionale straordinario e immediato.

 

La drammatica condizione nella quale versano i pronto soccorso della città di Napoli, su tutti Cardarelli e Ospedale del Mare, è ancora una volta portata all’attenzione dell’opinione pubblica rappresentandola come una sorpresa. Si tratta, invece, di una realtà che viene denunciata da anni ed è trasversale a tutta l’Italia. Il Covid ha invece aggravato ancora di più la situazione, anche se sembrava impossibile.

Leggi tutto
Notiziario Patria Grande - Aprile 2022
PatriaGrande/CIVG

 

NOTIZIARIO

 

APRILE 2022

 

 

 

NUEVA NICARAGUA / ESTERI / HONDURAS

ZEDE, capolinea di un progetto sbagliato

Verso il recupero della sovranità nazionale e la rifondazione del Paese

 

TELESUR / ESTERI /UCRAINA

Ucraina e neofascismo comunicativo

 

GRANMA (CUBA) / ESTERI / GUERRA IN UCRAINA

Operazione militare speciale russa in Ucrania, 40º giorno

 

GRANMA (CUBA) / ESTERI / CONFLITTO RUSSIA-UCRAINA

Díaz-Canel: l’esclusione della Russia dal Consiglio dei Diritti Umani è un pericoloso precedente

 

GRANMA (CUBA) / ESTERI / INFORMAZIONE E MANIPOLAZIONE

Il putsch dei media: la nuova marcia fascista sul mondo

 

GRANMA (CUBA) / ESTERI / LA COLOMBIA NELLA NATO

La Colombia designata alleata esterna della NATO

 

GRANMA (CUBA) / ESTERI / CINA

La Cina chiede agli Stati Uniti di chiarire il programma di spionaggio Beehive


Leggi tutto
Cina Notizia - Maggio 2022
CIVG

 

 


Leggi tutto

Blitz militare “immediato”, Sardegna circondata
Mauro Pili

13 maggio 2022


Con un’ordinanza dell’ultim’ora vietate 17 aree a mare, davanti alle spiagge più note dell’Isola. Si spara sino al 27 maggio


Il blitz è racchiuso in un’affermazione senza appello: «decorrenza immediata». Senza preavviso, come se la guerra fosse alle porte di casa, dentro le insenature già affollate da volenterosi del sole sardo, pronti a inaugurare senza perdere troppo tempo una stagione estiva ormai imminente. Si sa, siamo in Sardegna, nel cuore del Mediterraneo, Isola di turismo, soprattutto quello di mare. Eppure da qualche ora nelle coste di questa terra, finita per via delle capriole della geologia in mezzo all’antico Mare Nostrum, ci si prepara alla guerra, o meglio ai “giochi di guerra”, quelli più violenti e invasivi.

Leggi tutto
Bissett: la "pace americana" e la NATO sono diventate pericolose per la pace mondiale
James Bisset

ambasciatore canadese in pensione

Sonnambulismo a Sarajevo nel 1914. Oggi 2022, in Ucraina

 

http://fakti.org/sites/default/files/w80mmnbkNj304F-990x556_0.jpg

* Il famoso ex ambasciatore americano a Mosca, George F. Kennan, avvertì nel 1987: "Se l'Unione Sovietica affondasse sotto l'oceano domani, il complesso industriale militare americano dovrebbe rimanere sostanzialmente invariato fino a quando non verrà inventato un altro avversario". Qualsiasi altra cosa sarebbe uno shock inaccettabile per l'economia statunitense". Come si è scoperto, gli americani non dovevano trovare un nuovo avversario, ma hanno continuato a fingere che la Russia fosse ancora la vecchia Unione Sovietica.

Leggi tutto
Finlandia. Il nostro governo si basa ancora sulle menzogne?
Pirkko Turpeinen-Saari

Primaria di Psichiatria, ex membro del parlamento finlandese, consulente dal 1997 del Consiglio d’Europa sulle torture.

 

 Miksi itsenäistyminen estettiin 1917 Pirkko Turpeinen-Saari - Sisällissota  1918 - YouTube

 

Pubblichiamo questo scritto della dottoressa Pirkko Turpeinen-Saari in quanto è una testimonianza notevole su due momenti cruciali della politica internazionale: l’aggressione alla Jugoslavia e l’attuale conflitto in Ucraina.

E’ una voce fuori dal coro che parla con cognizione di causa, è per noi un prezioso contributo che aumenta il numero delle persone che si pongono domande invece di ricevere ordini imposti.

Leggi tutto
Giungla basata sulle regole
Assad Durani

Luogotenente generale in pensione. Ex Capo dell'Inter Services Intelligence (ISI) del Pakistan.

 

https://globalaffairs.ru/wp-content/uploads/2020/02/1204621-1999263304-e1629694432171-351x360.png

 

Kissinger aveva proposto di fare dell’Ucraina un ponte tra Oriente e occidente, ma non è stato ascoltato. Gli ucraini potrebbero ora subire il destino preannunciato di Enrico il Grande. Può essere pericoloso essere un nemico degli USA, ma ad essere loro amici si può rischiare la morte.

Quando l'Unione Sovietica entrò in Afghanistan nel dicembre 1979, il Pakistan perse il suo tradizionale cuscinetto contro la minaccia proveniente dal nord e il fianco che Kabul aveva sempre coperto durante le nostre guerre con l'India, fu lasciato vulnerabile all'azione di una superpotenza ostile attraverso la linea Durand. In quel momento, ai pakistani sembrava che il loro paese fosse caduto in uno schiaccianoci.

Leggi tutto
Shireen Abu Akleh: le forze israeliane aggrediscono il corteo funebre che accompagnava la bara prima dell’inumazione.
zeitun

13 Maggio 2022

http://zeitun.info/wp-content/uploads/2022/05/jerusalem-shireen-funeral-attacked-israeli-forces-afp-13-may-2022-afp-777x437.jpg

 Le forze israeliane impediscono ai palestinesi in lutto di portare la bara del giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh alla chiesa di Gerusalemme il 13 maggio 2022 (AFP)

 

Nonostante l’aggressione da parte delle forze israeliane, in migliaia hanno sfilato nella Città Vecchia di Gerusalemme per dire addio alla giornalista palestinese

Questo venerdì le forze israeliano hanno lanciato granate assordanti e aggredito i palestinesi che accompagnavano la bara della giornalista assassinata Shireen Abu Akleh all’esterno dell’ospedale di Gerusalemme, prima del suo servizio funebre e della sua inumazione nella Città Vecchia.

Leggi tutto
Basta abusi sulle persone fragili: urge riforma legge su amministratori di sostegno.
www.medicinademocratica.org

 

Bologna, 9 maggio 2022.

Basta abusi sulle persone fragili: urge riforma legge su amministratori di sostegno

COMUNICATO STAMPA

Sono 400.000 in Italia le “persone fragili” affidate ad amministratori di sostegno, in base alla legge n°6 del 2004, ma la loro condizione è in larghissima parte drammatica, per la frequenza di abusi e coercizioni inaccettabili che ledono i diritti fondamentali e la dignità della persona: è quanto è emerso al convegno nazionale su “Formazione e partecipazione in sanità”, che si è svolto a Bologna, venerdì scorso, promosso dall’associazione di volontariato bolognese Diritti senza Barriere, in occasione del suo ventennale 2001-2021, in collaborazione con Medicina Democratica.

Leggi tutto
*Paul Craig Roberts: "La guerra nucleare è all'orizzonte"
pi-news

 https://www.pi-news.net/wp-content/uploads/2022/04/roberts-696x392.jpg

 

La guerra nucleare è all'orizzonte. A causa dell'incapacità di ammettere i fatti, il folle percorso verso la guerra nucleare è davanti a noi.

Alcuni lettori si sono chiesti perché la Russia vede l'adesione della Finlandia alla NATO come una provocazione. Per lo stesso motivo, l'adesione dell'Ucraina è una provocazione: basi missilistiche americane al confine con la Russia.

Gli Stati Uniti non hanno attualmente missili ipersonici, ma prima o poi li faranno. Tali missili ipersonici ai confini russi potrebbero raggiungere Mosca in 3 o 4 minuti, rappresentando chiaramente una minaccia esistenziale. Oltre alla Finlandia, Washington vuole basi in Svezia e negli Stati baltici e ha già basi missilistiche in Polonia e Romania.

Leggi tutto
“OMBRE ROSSE “ di Carlo Formenti - Recensione
Luigi Cecchetti

 

formenti carlo - ombre rosse. saggi sull'ultimo lukacs e altre eresie

 

Oggi recensiamo un libro di un autore, Carlo Formenti, che noi del CIVG, seguiamo da tempo, perché troviamo stimolanti ed eterodosse le sue analisi “storiche, economiche e politiche sui problemi nazionali ed internazionali.

Consigliamo di leggere questo libro, breve, 130 pagine, ma molto intenso, un testo che tratta di filosofia o meglio tratta di tre filosofi che hanno, partendo da un terreno comune, elaborato opzioni diverse rispetto al dettato di partenza.

Leggi tutto
Soldi pubblici e interessi privati
recommon

https://www.recommon.org/wp-content/uploads/2021/04/Mozambico-gas.jpg

 

Perché dovremmo investire risorse pubbliche in aziende che fanno profitti milionari devastando il Pianeta?

Fondi pubblici: per il bene comune o quello delle grandi imprese?

Troppo spesso, il denaro pubblico viene utilizzato per favorire interessi che non sono quelli della collettività. Sono gli interessi di un gruppo ristretto di grandi aziende, nelle quali lo Stato ha di frequente una quota rilevante, ma che portano avanti un’agenda segnata dalla ricerca del profitto senza curarsi delle ricadute ambientali e sociali delle loro attività.

Leggi tutto
Crisi Russia e Ucraina: Il Progetto Eurasiatico in conflitto con le politiche della triade imperialista
Samir Amin

|  Bandiera di stato dell'Ucraina dietro un muro di manifestanti anonimi a Kiev Ucraina |  Signor in linea 

Kiev, Ucraina, 18 febbraio 2014

 

Attiriamo l'attenzione su questo pezzo di Samir Amin, che è stato scritto all'epoca del colpo di stato di Maidan nel 2014.

1. L'attuale scena mondiale è dominata dal tentativo dei centri storici dell'imperialismo (Stati Uniti, Europa occidentale e centrale, Giappone, di seguito chiamato "la Triade") di mantenere il loro controllo esclusivo sul pianeta attraverso una combinazione di:

1.      le cosiddette politiche di globalizzazione economica neoliberale che consentono al capitale finanziario transnazionale della Triade di decidere da solo su tutte le questioni nel loro esclusivo interesse;

2.     il controllo militare del pianeta da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati subordinati (NATO e Giappone) al fine di annientare ogni tentativo da parte di qualsiasi Paese non della Triade di sottrarsi al loro giogo.

Leggi tutto
Partito Comunista di Finlandia: Per la pace. No all'adesione alla NATO
Partito Comunista di Finlandia

 

Sotatoimet seis! banderolli mielenosoituksessa.

 

Perché noi comunisti di Helsinki ci opponiamo all'adesione della Finlandia alla NATO?

 E qual è la nostra risposta alla mutata situazione della sicurezza? Comprendiamo la preoccupazione causata dalla situazione in Ucraina. L'attacco è stato uno shock anche per noi.

 Ripudiamo la guerra e chiediamo alla Russia di ritirare le sue truppe dall'Ucraina. Allo stesso tempo, notiamo che la Finlandia non è minacciata da attacchi militari. Tale valutazione è stata inserita anche nel Rapporto sulla politica di sicurezza del governo Sanna Marin, attualmente all'esame del Parlamento. L'adesione della Finlandia alla NATO non porterà più stabilità nella regione, ma più tensione. Trasformare il confine orientale della Finlandia in un confine tra NATO e Russia porterebbe qui più forze armate e attività militari. Ci sarebbero anche maggiori rischi, dal momento che si tratta di aree importanti per la Russia, come i grandi arsenali nucleari di Kola ei collegamenti marittimi con San Pietroburgo.

Leggi tutto
Ucraina. Un’analisi chirurgica della guerra. Intervista a Jacques Baud, militare svizzero e consigliere dell’ONU.
observatoriocrisis.com

 

 

Jacques Baud, militare svizzero e consigliere dell’ONU

 

 

La rivista Zeitgeschehen im Fokus ha intervistato Jacques Baud, colonello dell’esercito svizzero, esperto in servizi segreti militari e consigliere della NATO e dell’ONU: “L’approccio bellico russo è molto diverso da quello degli USA”.

Leggi tutto
Sostanze chimiche pericolose: l’UE vuole vietarne dodicimila
Carmela Massa

7 Maggio 2022

 

Sostanze chimiche pericolose

 

Recentemente la Commissione Europea ha pubblicato la “Restrictions Roadmap”, ovvero un elenco di sostanze chimiche pericolose che a breve potrebbero essere messe al bando.

Attualmente queste sostanze sono presenti sia nei luoghi di vita, che di lavoro e sarebbero contenute addirittura in alcuni prodotti per bambini.

Nel dettaglio, sarebbero circa 12.000 le sostanze pericolose che circolano ancora nel mercato. Ma l’obiettivo dell’UE è proprio quello di vietarne l’uso gradualmente fino all’eliminazione definitiva.

Leggi tutto
Intervista sulla situazione in Ucraina dell’ex deputato della Rada di Kiev, Oleg Tsarev, al sito Antifashist
Liza Reznikova

A cura di Enrico Vigna

17 maggio 2022

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/a/a9/Tsarov_Deputates.jpg/300px-Tsarov_Deputates.jpgНа Олега Царева заведено уголовное дело – Мир – Коммерсантъ

Oleg Anatolyevich Tsarev, di professione ingegnere, è nato il 2 giugno 1970  a Dnepropetrovsk, è un ex  Deputato popolare dell'Ucraina per 4 legislature, è stato vice capo della fazione del Partito delle Regioni nella Verkhovna Rada della settima legislazione. Ha lasciato il partito nel 2014 dopo gli eventi di EuroMaidan per divergenze con le posizioni moderate del partito. E’ stato anche candidato alla carica di Presidente dell'Ucraina. Dopo l’inizio dell’aggressione alle regioni del Donbass e dopo il massacro di Odessa, si è schierato dalla parte delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Il 26 luglio 2014 è diventato il primo presidente del parlamento della Novorossiya, la Confederazione che comprende le Repubbliche Popolari di Donetsk e Luhansk.

Leggi tutto

Sanità, USB: il Cardarelli non è una sorpresa.

 

 

In Italia i pronto soccorso sono in emergenza già da venti anni. Occorre un piano assunzionale straordinario e immediato.

 

La drammatica condizione nella quale versano i pronto soccorso della città di Napoli, su tutti Cardarelli e Ospedale del Mare, è ancora una volta portata all’attenzione dell’opinione pubblica rappresentandola come una sorpresa. Si tratta, invece, di una realtà che viene denunciata da anni ed è trasversale a tutta l’Italia. Il Covid ha invece aggravato ancora di più la situazione, anche se sembrava impossibile.

Leggi tutto: Sanità, USB: il Cardarelli non è una sorpresa.