Il Consiglio Ue rinnova di un altro anno le sanzioni contro la Siria

29 maggio 2024

 

file:///C:/Users/Diest/Downloads/LIFT%20SANCTIONS.jpg

 

" L'Unione Europea, che è completamente subordinata agli interessi delle multinazionali e della N.A.T.O. (ovvero degli U.S.A.), ha esteso le sanzioni alla Siria fino al 1 giugno 2025.  

Sono sanzioni durissime che vietano alla Siria di importare medicinali, macchinari sanitari, macchine per l'edilizia, cibo e moltissimi altri prodotti e vietano al contempo alla Siria di esportare i suoi prodotti. 

Le sanzioni non solo sono del tutto ingiustificate, perché la Siria è il paese che è stato aggredito dai gruppi terroristi dell'ISIS  armati, finanziati e appoggiati dalla N.A.T.O., da Israele, dall'Arabia Saudita e da altri paesi.  Non è il paese aggressore, ma la vittima dell'aggressione.  

La guerra, che dura dal 2011, ha fatto danni per 1000 miliardi di dollari oltre ad almeno 500.000 morti e innumerevoli feriti. ..."

Prof. Matteo D'Amico

Leggi tutto: Il Consiglio Ue rinnova di un altro anno le sanzioni contro la Siria

La gioiosa barricata collettiva

ll 9 luglio 2021 i 422 dipendenti della GKN Driveline, fabbrica di semiassi di Campi Bisenzio vicino Firenze, hanno ricevuto via email la comunicazione che era iniziata una procedura di licenziamento nei loro confronti, un provvedimento che colpiva indirettamente anche oltre 80 lavoratori esternalizzati addetti ai servizi di pulizia, portineria e mensa. Da un giorno all’altro, il fondo britannico di investimento Melrose — proprietario di GKN dal 2018 — ha messo in atto il suo slogan “Compra, migliora, vendi”. L’idea alla base, da parte loro, era semplice: chiudere e delocalizzare.
Da quel momento, i lavoratori e le lavoratrici hanno occupato lo stabilimento, ma non solo: il Collettivo di Fabbrica ha saputo attivare una rete estroflessa e variegata di vicinanza, solidarietà, incarnando il punto di convergenza di tante istanze sociali non solo legate al lavoro: dalla collaborazione con Fridays For Future, alle attività per il territorio circostante, ai festival letterari, i cortei, gli sportelli di mutuo aiuto, alle assemblee in tutta Italia.
2 anni e mezzo dopo, i lavoratori sono ancora là: le ultime novità della fine del 2023 riguardano il ricorso presentato al tribunale del lavoro per comportamento antisindacale dell’azienda ai sensi dell’articolo 28 dello Statuto dei lavoratori. L’udienza si è tenuta il 13 dicembre e la sentenza di annullamento della procedura di licenziamento è incidentalmente arrivata mezz’ora prima di questa intervista fatta a Dario Salvetti, rappresentante del Collettivo di Fabbrica ex GKN.

Silvia Gola

Leggi tutto: La gioiosa barricata collettiva

Torino, città trasformata in sede industriale militare NATO per progetto DIANA

12/6/2024

 

La trasformazione della città metropolitana di Torino, da caposaldo della produzione metallurgica dell’auto a sede industriale militare, è legata all’utilizzo degli spazi di corso Marche, ceduti per 50 anni da Leonardo SpA al Politecnico di Torino. Quest’ultimo, con fondi PNRR, privati ed europei, è destinato ad ospitare l’aerospazio con Laboratori, sedi di incubatori di imprese, startup, residenze universitarie e centri commerciali e così diventerà la prima sede operativa europea del piano NATO chiamato DIANA (Defence Innovation Accellerator North Atlantic).

Leggi tutto: Torino, città trasformata in sede industriale militare NATO per progetto DIANA

Ingegneria finanziaria per banche impiombate (dal Superbonus)

15 Maggio 2024

 

Moto perpetuo

 

 

Dopo l’emendamento governativo che stringe ulteriormente le viti sul Superbonus, colpendo soprattutto le banche, pare siano in corso manovre per una exit a beneficio degli istituti di credito. Sarebbe l’ennesima versione del fecondo filone italiano dell’ingegneria finanziaria per disperati.

Il contesto: l’emendamento governativo, firmato dal MEF, prevede che lo spalma-bonus si applicherà a tutti i lavori ancora in corso nel 2024, quelli che avvengono con la nuova aliquota di detrazione scesa da 110 a 70 per cento. E prevede anche che le banche e gli intermediari finanziari non potranno più compensare, a partire dal 2025, crediti del Superbonus con debiti Inps e Inail. Questa è la versione più evidente e marcata della retroattività del provvedimento, visto che le banche hanno pianificato i propri fabbisogni finanziari basandosi anche su tale compensabilità.

Leggi tutto: Ingegneria finanziaria per banche impiombate (dal Superbonus)

Ucraina: gli USA ufficializzano la fornitura di armi e addestramento al battaglione neonazista Azov. La storia e per cosa combattono i militanti del Battaglione

12 giugno 2024

 

Il primo leader di Azov fu Andriy Biletsky, chiamato il “capo bianco” che scrisse “…la missione storica della nostra nazione in questo momento critico è guidare le Razze Bianche del mondo in una crociata finale per la loro sopravvivenza. Una crociata contro gli Untermenschen ‘subumani’ guidati dai semiti….

 

Ucraina, la sfida dei mercenari  Reggimento Azov - Wikipedia

Leggi tutto: Ucraina: gli USA ufficializzano la fornitura di armi e addestramento al battaglione neonazista...

Per un contratto vivibile, macchinisti e capitreno del gruppo FSI da domani scioperano ancora. Sciopero Assemblea Nazionale

 

https://www.inmarcia.org/wp-content/uploads/2024/06/sciopero-16-giugno.jpg

 

Prosegue la vertenza per un contratto di lavoro vivibile, promossa dall’Assemblea Nazionale PDM e PDB del Gruppo FSI.

La prossima azione sarà lo sciopero per i treni viaggiatori, dalle 3.00 di domenica 16 giugno alle 2.00 di lunedì 17 giugno.

Leggi tutto: Per un contratto vivibile, macchinisti e capitreno del gruppo FSI da domani scioperano ancora....

GEORGIA: chi sono e cosa fanno le ONG nel Paese

20 maggio 2024

არასამთავრობო ორგანიზაციები-საბა ბაღიშვილი | PDF Protests In Georgia Revealed Their True Goals

 

Dopo l’approvazione definitiva della legge della trasparenza sulle ingerenze straniere nel Paese, si sono scatenate nella capitale Tblisi manifestazioni violente e tentativi di assalti al Parlamento. Gli oppositori della legge, filo europeisti e sostenuti dall’Occidente, era già da aprile che protestavano. In realtà quanto sta accadendo è una vera e propria “Rivoluzione colorata”, progettata e pianificata nelle capitali europee. Ricordo che in Georgia, già nel 2003 ci fu il tentativo della prima “rivoluzione colorata” in Europa, poi fallita. Poi quella, vincente del 2012. Un dato è certo: il paese è ormai spaccato in due e il rischio di una nuova “EuroMaidan” è reale.

Leggi tutto: GEORGIA: chi sono e cosa fanno le ONG nel Paese

In Nuova Caledonia, la Francia sta per perdere un altro dominio coercitivo e di sfruttamento neocoloniale

29 maggio 2024

 

Nuova Caledonia, la lotta di indigeni  al colonialismo francese; è paura della di restare intrappolati come i palestinesi  file:///C:/Users/Diest/Downloads/436310945_122115269594288868_5794534723531924999_n.jpg

 

Nuova Caledonia in rivolta, per la Francia, la posta in gioco è alta. Le conseguenze e i danni collaterali e geopolitici nella regione sono già visibili, si sta frantumando la presenza ed il ruolo opprimente della potenza europea.

La scorsa settimana in Nuova Caledonia, un’entità amministrativo-territoriale sotto dominio francese, situata nell’Oceano Pacifico e formata da una grande isola omonima e un gruppo di piccole isole nel Pacifico sud-occidentale, in Melanesia, sotto la direzione del Fronte di Liberazione Nazionale Kanaco Socialista, sono scoppiate, prima pacifiche e poi violente proteste, causa una repressione inaudita e inutile da parte delle forze speciali francesi, inviate da Parigi.

Leggi tutto: In Nuova Caledonia, la Francia sta per perdere un altro dominio coercitivo e di sfruttamento...

Alle elezioni in Serbia vince nettamente la coalizione di governo. Gli elettori serbi hanno votato per stabilità, lavoro per scenari pacifici, indipendenza del paese e contro sanzioni alla Russia.

5 giugno 2024

 

Vučić u Lazarevcu: Pred nama, u narednih deset dana, velika i važna bitka  za Srbiju - JMU Radio-televizija Vojvodine

 

 

La Missione di osservazione elettorale internazionale (ODIHR), ha decretato che le elezioni locali del 2 giugno in Serbia, sono state “correttamente organizzate e hanno offerto agli elettori un’ampia gamma di alternative politiche”, afferma il rapporto finale. “I candidati, come scritto nel testo, hanno potuto fare campagna elettorale liberamente. Il quadro giuridico per le elezioni, ha stabilito l’esistenza di una base adeguata nello svolgimento di elezioni democratiche”, ha affermato la missione. “…La giornata elettorale si è svolta in gran parte senza intoppi, il conteggio dei voti e il conteggio dei risultati sono stati generalmente valutati positivamente. Il voto è stato valutato negativamente solo nel 7% dei seggi elettorali osservati. Nonostante il periodo di tempo ridotto, le Commissioni elettorali municipali (MEC) hanno gestito le elezioni in modo efficace e nella maggior parte dei casi hanno rispettato le scadenze legali”, afferma il rapporto dell'ODIHR.

Leggi tutto: Alle elezioni in Serbia vince nettamente la coalizione di governo. Gli elettori serbi hanno...