Aggressione della NATO: c'è una via d'uscita?

  • Stampa

 

Il 23 marzo Generale Breedlove, Capo di Stato Maggiore del Comando Americano Europeo, ha fatto una dichiarazione al Ministero della Difesa della Georgia, annunciando nuove manovre militari congiunte americane-britanniche-georgiane che si svolgeranno nel maggio di quest'anno sotto il nome in codice Noble Partner (Nobile Compagno) 2016.

In quel discorso ha messo in chiaro la reale intenzione dell'elite americana al potere : la guerra con la Russia.

Ed ai suoi burattini georgiani ha dichiarato quanto segue, a quanto pare rimanendo impassibile:
"Per quanto riguarda la mia visita qui. La situazione della sicurezza in tutta l'Europa continua ad evolversi e diventare sempre più complicata. Noi continuiamo ad affrontare sfide dirette alla  sicurezza da due diverse direzioni. A est, ci troviamo di fronte ad una Russia riemergente ed aggressiva, che ha scelto volontariamente di essere un nemico e di essere una minaccia aggressiva e a lungo termine per gli Stati Uniti e per i nostri alleati e partner europei.

"Al Sud ... l'Europa è di fronte alla sfida spaventosa di migrazioni di massa, causate dal collasso e dall'instabilità dello stato ... e  che maschera i movimenti di criminali, terroristi e foreign fighters (combattenti stranieri).  Come risultato del conflitto nella regione, "Daesh" - si sta diffondendo come un cancro, approfittando dei percorsi di minor resistenza, minacciando nazioni europee - e la nostra - con attacchi terroristici.  La sua brutalità porta alla fuga di milioni di persone  dalla Siria e dall'Iraq ... provocando una sfida umanitaria senza precedenti.
"Mentre lavoriamo con gli alleati ed i partner per rispondere e superare queste gravi minacce, diamo il nostro totale appoggio alla sovranit
à e all'integrità territoriale della Georgia. Oggi ho avuto il privilegio di visitare la Linea di Confine Amministrativo con il vostro Capo della Difesa e il nostro Ambasciatore. E qui sono stato testimone della illegittima divisione del popolo georgiano. Come la vostra coraggiosa, valorosa nazione è stata diretta testimone, la Russia continua a cercare di estendere la sua influenza oppressiva e distruttrice alla sua periferia, e ora sta anche cercando di ristabilire un ruolo aggressivo e di comando sulla scena mondiale. La Russia in ultima analisi cerca di ribaltare le regole ed i principi stabiliti del sistema internazionale, di incrinare l'unità del mondo libero e di sfidare la nostra determinazione."

Ed eccola qua, una dichiarazione di guerra a tutti gli effetti.
Non ci vuole un genio militare per guardare una carta geografica e capire che l'ammassamento di forze NATO, in particolare Americane, sulla frontiera occidentale della Russia, da Camp Bondsteel nella provincia serba del Kosovo, attraverso la Bulgaria e la Romania, dall'Ucraina fino in Polonia e nei Paesi Baltici, è costante e sempre più allarmante.
La crescente concentrazione di forze intorno a Kaliningrad, l'enclave russa che gli americani considerano una minaccia al loro controllo del Baltico,  e che si avvicina alla Russia, le  sempre più frequenti e violente violazioni dell'Accordo Minsk 2 lungo la linea di contatto nel Donbass, e il continuo sostegno alle forze in disfacimento dell'ISIS in Siria e in Iraq, nonostante le dichiarate promesse per la lotta contro il "terrorismo", tutto indica che i piani per un confronto diretto con la Russia si stanno realizzando.

Si può anche ridere della assurda descrizione della realtà da parte del generale Breedlove, ma questa è la propaganda che viene somministrata alle sue truppe e a tutte le persone che in Occidente sono legate a mezzi d'informazione completamente controllati dai servizi segreti della NATO.

 La serie di misteriosi attentati e di sparatorie degli ultimi mesi sia in America che in Europa, che ci hanno detto siano state commesse da "terroristi" legati all'ISIS, ha avuto due risultati visibili: l'aumento della sorveglianza e del controllo delle persone, che sono sempre più demoralizzate, arrabbiate e affamate di capri espiatori, e l'uso di queste persone come scusa  per chiedere una guerra contro la Siria al fine di eliminare i "terroristi" che essi stessi hanno creato, armato e addestrato.
Il ruolo della Russia nella distruzione dell'ISIS in Siria insieme all'Esercito Siriano e gli altri alleati, dall'Iran a Hezbollah, viene eliminato dal racconto o, peggio ancora, viene accusato di "complicare le cose", nel senso che la vittoria sulle forze ISIS ha reso molto più complicata la guerra Americana contro il governo Siriano.
Gli americani sono chiari a questo riguardo ed ora cercano di sminuire questa vittoria, mettendo in giro la falsa informazione che la Russia avrebbe preso accordi con loro per emarginare il presidente Assad.   Il governo Russo nega e la cosa non ha comunque senso, dal momento che il governo di Assad ha dimostrato di essere resistente e determinato a sconfiggere i suoi nemici ed è un alleato fidato della Russia. Ma ancora una volta, la disinformazione viene usata per creare sospetti tra Siria e  Russia e per abbattere il morale delle Forze Armate Siriane.

Chi scrive ha appena ricevuto una lettera dal Ministro della Difesa Canadese in risposta ad una domanda circa la legittimità dei bombardamenti del Canada in Siria, con in allegato una lettera dell'ambasciatore Canadese al Presidente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. La lettera è rivelatrice. Si tenta di giustificare la partecipazione del Canada alla
aggressione contro la Siria. Essa afferma, in parte, che gli Stati Uniti e il Canada stanno bombardando la Siria perché
".... Gli Stati devono essere in grado di agire per autodifesa, quando il governo dello Stato ove vi sia una minaccia, non vuole o non può prevenire gli attacchi provenienti dal suo territorio. "
Naturalmente l' ISIS non rappresenta una minaccia per il Canada, anche se i canadesi ne sono convinti. Ma, cosa ancora più importante, il governo della Siria ed i suoi alleati sono perfettamente in grado, efficacemente e con forza, di prevenire tali attacchi. Ma i successi e le vittorie del governo Siriano degli ultimi mesi, da quando la Russia si è attivamente impegnata in Siria, vengono completamente ignorati.

La lettera si conclude con una dichiarazione ancora più significativa:
"Le azioni militari del Canada contro ISIL in Siria .... Non sono rivolte al popolo siriano, né  comportano un supporto al regime siriano ".
L'uso della parola "regime" indica sempre che quelli che bombardano un paese vogliono anche rovesciare quel "regime".
La parola è usata per umiliare il governo legittimo e dipingerlo come illegittimo ed è stata usata come mezzo di propaganda in tutte le aggressioni NATO, fin dalla Jugoslavia.

Le distorsioni dei fatti contenuti in quella lettera sono coerenti con l'affermazione di altri leader della NATO, da Londra a Berlino, e, ancora, letta nel suo contesto, la lettera equivale a una dichiarazione di guerra contro la Siria e conferma il ruolo servile del Canada ai generali americani come Breedlove che vagano per il pianeta progettando nuove conquiste.
Ma per tornare al generale Breedlove, è stato lui che ha detto qualche mese fa che sa "con  certezza" che la Russia sta per impegnarsi in una guerra ibrida nella zona del Baltico, che significa, naturalmente, che la NATO si impegnerà in operazioni sotto falsa bandiera, da imputare alla Russia, per cercare di costringere la Russia fuori da Kaliningrad come hanno cercato di fare in Crimea.
Pochi giorni fa Breedlove ha chiesto il rinnovo dei voli degli aerei spia U2 i vicino a confini russi, che sono utili solo se sorvolano il territorio russo. L'unico scopo di tali voli è quello di raccogliere informazioni sulle capacità di difesa e sulla disposizione delle forze in Russia e queste informazioni sono utili solo per preparare una guerra.
In cambio il ministero della difesa russo ha dichiarato che risponderà in modo asimmetrico e ha assicurato i russi che nessun U2 sorvolerà la Russia.

Ma i russi sanno che gli americani cercheranno di fare come hanno fatto in Cina e come hanno fatto ai tempi dei Sovietici.

Nel frattempo, sul lato orientale dell'Asia, gli Americani continuano le loro provocatorie  esercitazioni militari in opposizione alla Corea del Nord, prove che il governo della Corea del Nord teme giustamente potrebbero trasformarsi da un momento all'altro in una vera e propria guerra.
Di conseguenza hanno avvertito gli americani che, invece di aspettare di essere attaccata, la Corea del Nord può a sua volta aggredire gli Stati Uniti con armi nucleari in un attacco preventivo.  Eppure le esercitazioni continuano ogni giorno.
Il 1° aprile anche la Cina ha inviato un simile segnale allarmante affermando che da questo momento metterà tutti i suoi missili nucleari in condizioni di pronta risposta.  L'obiettivo è lo stesso,  scoraggiare un attacco americano.
Allo stesso tempo, le proteste di piazza in Serbia sembrano aver convinto il governo fantoccio di Belgrado a ritardare l'adesione alla NATO, la banda criminale che ha attaccato la Jugoslavia nel 1999 e che ha minacciato di radere al suolo Belgrado se il governo del presidente Milosevic non avesse accolto i suoi diktat. Ma in aggiunta all'umiliazione del popolo serbo, questa
settimana il tribunale per la Jugoslavia, controllato dalla NATO, ha svolto il suo ruolo di propaganda condannando il Dr. Karadzic per i crimini della NATO, ma assolvendo il dottor Seselj. Entrambe le decisioni sono state prese per motivi politici, entrambe servono gli stessi interessi e possono essere considerate nient'altro che un imbroglio per il popolo serbo ed un processo politico per fini propri della NATO.

Siamo in una posizione estremamente pericolosa. Vorrei citare una dichiarazione di Zivadin Jovanovic, Presidente del Forum di Belgrado per un mondo di Eguali, comparsa nel suo testo del 23 marzo perché chiarisce la situazione meglio di me.
Egli afferma:
"Coloro che hanno goduto dell'impunità, calpestando i principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite, generando caos e 'conflitti a bassa intensità', esautorando leader di altre nazioni, quelli che non tengono conto dei legittimi interessi di altre nazioni e stati, quelli che fanno pagare agli altri i fallimenti delle loro politiche, e quelli abituati ad avere sempre l'ultima parola, ingannando il proprio popolo e il mondo intero, certamente non smetteranno di cogliere l'occasione!  E proprio questo è fonte di grande pericolo."

C'è una via d'uscita? Anche in questo caso, cito e chiudo con la dichiarazione del Presidente del Forum di Belgrado;


"La via d'uscita sta nel ripristino del rispetto dei principi fondamentali delle relazioni internazionali e del diritto internazionale, e più in particolare, nel rispetto del principio di uguaglianza sovrana di tutti gli stati.

In un senso più ampio, la via d'uscita sta nel rafforzamento del ruolo delle Nazioni Unite e nel rispetto e nel riconoscimento del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite come il corpo più importante per le questioni di pace e sicurezza;  nel riconoscere che la multipolarizzazione delle relazioni globali è un processo che non può essere fermato o arrestato con nessun mezzo; che, alla luce dei maggiori poteri di Russia, Cina e altri paesi BRICS, questa multipolaritàè inevitabile; nella tendenza alla democratizzazione delle relazioni globali che, in sostanza, significa il riconoscimento del fatto che anche i paesi medi e piccoli hanno il diritto di curare i propri interessi; nel rinunciare all'uso improprio della lotta contro il terrorismo al fine di diffondere e imporre gli interessi geopolitici delle grandi potenze;  nel fermare il finanziamento, l'inserimento, la formazione e l'invio di terroristi nelle aree di crisi;  nel prestare attenzione alla soluzione dei crescenti problemi socio-economici in Africa, Medio e Vicino Oriente e in tutte le altre parti del mondo, in particolare, quelle da cui provengono estremismo, terrorismo e crimine organizzato internazionale.
Al momento, per avere pace e sicurezza,
è fondamentale trovare una soluzione politica e pacifica per la guerra in Siria, nel rispetto degli interessi di tutti i fattori politici, escludendo i terroristi di tutti i tipi e di qualsiasi parte politica".

Christopher Black è un avvocato penalista internazionale con sede a Toronto, è membro della Law Society del Canada Superiore ed è conosciuto per aver seguito una serie di casi di alto profilo su diritti umani e crimini di guerra, in particolare per la rivista online New Eastern Outlook.

14/04/2016

Traduzione di Giorgio F. per Forum Belgrado Italia/civg.it