Intervista del ministro degli Esteri russo Lavrov su SCO, Russia e Cina

  • Stampa

 

lavrov

 

D: Date le gravi tensioni nel mondo di oggi, a volte possono sorgere differenze anche tra gli Stati membri dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai. Il formato SCO può aiutare ad appianare queste differenze?

S. Lavrov: Credo che la SCO sia un meccanismo moderno molto promettente per promuovere le priorità della politica estera. Inizialmente, la SCO è stata istituita per affrontare le questioni di confine. Ma i suoi membri divennero gradualmente consapevoli dei suoi vantaggi nell'affrontare questioni più serie, compreso il coordinamento dei loro sforzi per rafforzare la sicurezza dell'Asia nel Pacifico, promuovere lo sviluppo economico, il commercio e l'eliminazione delle barriere. Un altro elemento fondamentale della SCO è la cooperazione umanitaria, che sta acquisendo forme più pratiche, come scambi di giovani e scambi tra organizzazioni e parlamenti femminili, interazione sportiva e molto altro.

Oltre a garantire la sicurezza e creare le condizioni per lo sviluppo economico e sociale negli Stati membri, la voce della SCO acquista sempre più peso durante le discussioni internazionali all'ONU e al G20. Ed è una voce altamente costruttiva. In effetti, fornisce un'alternativa a coloro che vorrebbero dominare gli affari internazionali, primi fra tutti i nostri colleghi occidentali. In questo contesto, i documenti, che i ministri degli esteri della SCO hanno approvato pochi giorni fa, rappresentano un importante passo in avanti quando si tratta delle discussioni internazionali in corso su come dovrebbe essere il mondo.

La ferma posizione della SCO è che dovrebbe essere un mondo equo e democratico basato sul rispetto della sovranità e dell'integrità territoriale di tutti gli stati senza eccezioni. La SCO ha avviato una serie di iniziative importanti e costruttive verso questo obiettivo, verso la creazione di un nuovo mondo multipolare dove tutti i principi guida sono basati sulla Carta delle Nazioni Unite.

La SCO ha un grande potenziale, come puoi vedere dal numero di paesi che vorrebbero aderire alla SCO come membri a pieno titolo, osservatori o partner di dialogo.

D: i paesi occidentali stanno ancora una volta parlando di imporre nuove sanzioni alla Russia. Se finiscono per farlo, la Russia risponderà o semplicemente li ignorerà?

S. Lavrov: L' ultima volta che ho controllato, il principio di reciprocità era ancora valido nelle relazioni internazionali. Aspettiamo e vediamo come sono le nuove sanzioni. Ovviamente risponderemo. Non possiamo lasciarle senza una risposta. Primo, sarebbe sbagliato in termini di leggi che governano la diplomazia. In secondo luogo, stiamo cercando di limitare l'influenza negativa esercitata da varie strutture occidentali, compresi gli stati e le numerose ONG, sui nostri piani e sui piani dei nostri alleati.

Le sanzioni occidentali ci hanno aperto gli occhi. Sono iniziati molto prima degli eventi in Ucraina o del referendum in Crimea. Questo processo può essere fatto risalire all'amministrazione Obama, quando Edward Snowden si è trovato in territorio russo. Potrebbe aver infranto la legge statunitense, ma è stato perseguitato per aver denunciato attività da parte delle strutture statunitensi, che erano totalmente illegali, illegittime e per molti versi criminali, consistenti nell'usare approcci inaccettabili all'estero e nel minare governi legittimi. 

Da allora ci siamo abituati alle sanzioni. Ridurre la nostra risposta di tutto questo, alla cosiddetta sostituzione delle importazioni sarebbe un modo ristretto di vedere le cose.

In linea di principio, la risposta geopolitica in questi anni è consistita nel riconoscere che i nostri partner occidentali erano inaffidabili, inclusi, purtroppo, membri dell'Unione europea. Avevamo molti piani di vasta portata e ci sono documenti che stabiliscono il percorso per lo sviluppo delle relazioni con l'UE nel settore dell'energia e dell'alta tecnologia e per il rafforzamento della cooperazione economica in generale. Condividiamo un unico spazio geopolitico. Considerando la nostra geografia, logistica e infrastruttura condivise in tutto il continente eurasiatico, beneficiamo di un vantaggio comparativo sostanziale.

Sarebbe certamente un grave errore per noi e l'Unione europea, così come per altri paesi in questo spazio, tra cui la SCO, l'EAEU e l'ASEAN, che è anche vicina, non utilizzare i nostri vantaggi geopolitici e geoeconomici comparativi in ​​un mondo sempre più competitivo. Sfortunatamente, l'Unione Europea ha sacrificato i suoi interessi geoeconomici e strategici per il suo desiderio momentaneo di eguagliare gli Stati Uniti in quello che chiamano "punire la Russia". Ci siamo abituati a questo. Ora comprendiamo che abbiamo bisogno di una rete di sicurezza in tutti i nostri piani futuri relativi al rilancio del pieno partenariato con l'Unione europea. Ciò significa che dobbiamo procedere come  se l'UE si mantiene sulle sue posizioni negative e distruttive.

D: Gli americani stanno cercando di riunire tutti contro la Cina e inviano segnali inequivocabili alla Russia. Cosa ne pensa della politica di stringere amicizie contro qualcuno?

Sergey Lavrov: Questo tipo di politica ci è estraneo. Né la Russia, né la Cina, né i nostri alleati hanno mai proposto di costruire relazioni amichevoli con il fine di opporsi a qualcuno. L'approccio stesso di mettere qualcuno contro quelli che non ti piacciono contiene una risposta alla domanda su cosa ne pensiamo. Questo rappresenta una cultura diplomatica e politica totalmente diversa dalla nostra. Vogliamo costruire buoni rapporti con tutti. Ogni volta che cerchiamo legami più forti con qualcuno, non abbiamo mai bisogno di minare le relazioni con gli Stati che hanno litigato con Washington o con chiunque altro come prezzo da pagare per la cooperazione.

Credo che l'idea di essere "amici contro qualcuno" contraddica il significato stesso di "amicizia".

 

Da mid.ru/en/foreignpolicy, settembre 2020   -     Traduzione a cura di Forum Belgrado Italia